Prezzi delle case in diminuzione nei prossimi sei mesi soprattutto in città.

Nei primi sei mesi del 2007 è ancora in salita il prezzo degli immobili in Italia (+1,7%)

Nei primi sei mesi del 2007 è ancora in salita il prezzo degli immobili in Italia (+1,7%). Secondo uno studio condotto dalla Fiaip (Federazione Italiana Agenti Immobiliari Professionali) l'andamento del mercato continua a mostrare un segno positivo, sia nel settore urbano che in quello turistico. Per il II semestre dell'anno si prevede però una flessione, più accentuata nelle abitazioni ad uso urbano.

Il Report, realizzato in collaborazione con il supporto di Risposte Turismo, prende in esame, per il mercato urbano, un campione di 20 città capoluogo di regione, concentrando l'analisi sulle zone di maggior prestigio. L'indagine sul settore turistico, invece, focalizza l'attenzione su 20 famose località di vacanza, una per ogni regione.

Mercato urbano
Nei centri storici monitorati dalla Fiaip, i prezzi degli immobili residenziali nuovi o ristrutturati oscillano dai 3.918 ai 5.580 euro circa al metro quadrato, quelli in buono stato abitabili dai 3.210 ai 4.117 euro e quelli da ristrutturare tra i 2.400 e i 3.189 euro. In rifermento ai valori di acquisto delle case nuove o ristrutturate, il quartiere più caro è San Marco a Venezia, con un prezzo medio al metro quadro è 10.000 euro, seguita da Duomo-Cordusio a Milano (9.500 euro) e Trevi a Roma (8.350 euro). La zona più "economica" il quartiere Indipendenza-Corso Mazzini a Catanzaro, dove un immobile nuovo o ristrutturato costa circa 1.950 euro al metro quadro.

Gran parte delle abitazioni oggetto di compravendita ha una superficie inferiore ai 60 metri quadrati (42%), seguono le case di medie dimensioni (39%), mentre gli immobili sopra i 120 metri quadrati sono soltanto il 19% circa. Quattro acquirenti su cinque sono italiani, gli stranieri UE poco più del 10% e gli extracomunitari il 6,4%. Secondo gli ITM Indicatori di Tendenza elaborati da Fiaip, le tendenze per il secondo semestre prevedono flessione tendenziale dei valori (dato medio nazionale) e solo per 6 delle 20 città prese in esame è atteso un aumento dei prezzi (Trieste, Palermo, Torino, Perugia, Catanzaro e Campobasso).
 

Mercato turistico
Anche in questo settore i dati del I semestre 2007 mostrano un trend di segno positivo (+2,8% rispetto al semestre precedente). I prezzi di compravendita delle case nuove o di pregio vanno da un minimo di 3.935 a 6.260 euro al metro quadro, quelli degli immobili centrali sono compresi tra i 3.430 e i 4.940 euro e quelli delle abitazioni semicentrali tra i 2.545 e i 3.620 euro.


Tra le località più costose emergono i centri montani di Courmayeur e Madonna di Campiglio, con prezzi degli immobili nuovi o di pregio tra gli 8.000 e i 10.000 euro al metro quadro. Subito dopo troviamo le mete balneari di Forte dei Marmi, Porto Rotondo e Santa Margherita Ligure, dove i valori medi per la stessa tipologia di abitazioni sono rispettivamente di 9.500, 9.000 e 8.900 euro. Le case più accessibili son a Montesilvano, Termoli, Vieste e Policoro Lido, dove si possono spendere per abitazioni nuove o di pregio circa 2.500 euro al metro quadro.

Nella classifica delle località di vacanza dalle quotazioni di compravendita più elevate svettano i rinomati centri montani di Courmayeur e Madonna di Campiglio, nei quali i prezzi degli immobili nuovi o di pregio oscillano tra gli 8.000 e i 10.000 euro al metro quadro, seguiti da quelli balneari di Forte dei Marmi, Porto Rotondo e Santa Margherita Ligure, in cui i valori medi per la stessa tipologia di abitazioni sono rispettivamente di 9.500, 9.000 e 8.900 euro. Le località meno care sono invece Montesilvano, Termoli, Vieste e Policoro Lido, dove il prezzo medio delle case nuove o di pregio è inferiore ai 2.500 euro al metro quadro.

Nel mercato immobiliare turistico le abitazioni più richieste hanno dimensioni ridotte: più di metà sono piccole unità inferiori ai 60 metri quadrati, il 40% circa di medie dimensioni e solo il rimanente 10% presenta superfici superiori ai 120 metri quadrati. Il numero di acquirenti dell'Ue è superiore a quello relativo al mercato urbano (15%), mentre più ridotta risulta la presenza di acquirenti extracomunitari (4,4%). Per il secondo semestre 2007, gli Indici di tendenza di mercato mostrano tendenze previsionali dei prezzi di compravendita in lieve flessione anche nel mercato immobiliare turistico delle seconde case, anche se più contenuta rispetto a quella del settore urbano (-1,2%). Uniche eccezioni 8 delle 20 località analizzate: Sestriere e Courmayeur, San Benedetto del Tronto, Rimini, Cefalù, Jesolo e Vieste e Todi.





di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il


Torna su