Beppe Grillo al Parlamento Ue propone una giornata contro i parlamentari condannati in secondo grado

Beppe Grillo al parlamento di Bruxelles, dove lancia la proposta di una giornata da dedicare alla protesta contro quei deputati italiani che siedono alla Camera condannati in primo e secondo grado

Ci sarà l'otto settembre il V-day, l'ultima trovata di Beppe Grillopresentata all'Europarlamento a Bruxelles per liquidare con un'vaff...' collettivo la classe politica e dirigente italiana. Grillo hascelto l'otto settembre per collegarsi alla storica data del 1943, incui "l'Italia si è ritrovata allo sbando".

Il comico genovese erastato invitato nella sala del Parlamento europeo per parteciapre a unaconferenza sullo sviluppo sostenibile insieme all'eurodeputatoGiulietto Chiesa, il metereologo Luca Mercalli e l'economista RiccardoPetrella.

Passando in rassegna i mali del Belpaese, Bepe Grillosi è scatenato come al suo solito: "Prodi? ìSoffre di encefaliteletargica", mentre Berlusconi è lo "psiconano"; Marco TronchettiProvera è il "tronchetto dell'infelicità che ha affossato la Telecom ela Pirelli", e cos via per oltre una mezz'ora. Poi la proposta: "Vogliolanciare un grido di aiuto per la nostra nazione, perché il problemavero è il Parlamento italiano, dove ci sono una settantina di deputaticondannati in primo o secondo grado e 25 già condannati in viadefinitiva. Inoltre - ha continuato Grillo -, il mandato deiparlamentari non dovrebbe durare più di due legislature.

Ilprogramma dell'iniziativa, una via di mezzo tra il "d-day" dello sbarcoin Normandia e "V" come vendetta, è ancora aperto e in via diformulazione, e Grillo ha invitato i presenti a suggerire iniziative damettere in atto il fatidico otto settembre.

Bisogna ora attenderela reazione della società civile, sempre fortemente stimolata dalleiniziative di Beppe Grillo, come dimostra il suo blog, tra i piùfrequentati del'intera rete. E si aspetterà naturalmente anche quelladel mondo politico, che verosimilmente cercherà di far passare l'estatesotto silenzio (atteggiamento classico della strategia partiticanostrana), sperando che modi e tempi divengano coì stretti da non poterpermettere la riuscita dell'evento.


D'altra parte, come haricordato il popolare comico, oramai da lunghi anni tenuto lontano dalvasto pubblico televisivo, se l'adesione all'evento arrivasse proprioda certi deputati, il tasso di ipocirisia raggiungerebbe livelli chesoltanto l'Italia riesce ancora a permettersi. E non è certo un belprimato.

Staremo a vedere.








di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il


Torna su