Nuove deduzioni auto aziendali: 40% di deducibilità e 90% per le auto uso dipendenti

Una decisione costata cara alle aziende quella sull’iva delle auto aziendali presa nelle stanze della Corte di giustizia europea

Una decisione costata cara alle aziende quella sull’iva delle auto aziendali presa nelle stanze della Corte di giustizia europea. Dopo una stretta iniziale sugli autoveicoli aziendali e professionali con la sentenza resa nella causa C-228/05, che aveva bocciato i limiti imposti dall'Italia alle detrazioni Iva sui mezzi di trasporto, la Ue adotta un regolamento a due articoli riportando il fringe benefit auto alla normativa anteriore alle "manovre" di fine 2006 e ripristinando la deducibilità per le imprese al 40 per cento.

Sul via libera europeo il governo italiano approva un emendamento al disegno di legge su Iva e terreni che prevede per l’appunto la deducibilità delle auto aziendali al 40% dl costo del veicolo per aziende e professionisti con un tetto massimo di 18.076 Euro per calcolare ammortamenti e leasing.

Veicoli ad uso dipendente: deduzioni al 90%

Sconti anche sui fringe benefit concessi ai dipendenti, le cui auto aziendali potranno essere detratte al 90% senza limiti di costo e con rientro al 30% della tabella Aci del valore da includere in busta paga.
Le tabelle ACI sono dunque utilizzate per la determinazione del fringe-benefit, cioè della retribuzione in natura che deriva dalla concessione in uso ai dipendenti dei veicoli aziendali che vengono destinati ad uso promiscuo per esigenze di lavoro e per esigenze private.
A seguito della circolare n° 21 dell'Agenzia delle Entrate del 17/4/2007, nei riferimenti normativi, l'ACI ha elaborato, e inserito nelle tabelle, oltre al valore prestabilito del 50%, anche il valore calcolato con la percentuale del 30%, come da possibile modifica parlamentare (v.Tabelle ACI).
Se verrà approvato l’emendamento le modifiche di detraibilità entreranno in vigore nel periodo di imposta in corso.

Dopo polemiche e ribaltoni fiscali il governo sembra fare marcia indietro sulle auto aziendali, riproponendo vantaggi e sgravi per i manager, con deduzioni al 90% per l’azienda di tutti i costi sostenuti. Conti da rifare per quanti non abbiano già ottemperato alle disposizioni previste dallaCircolare 21/E/2007, che dovranno dunque applicare ritenute e contributi sul minore importo previsto dalla norma.


Veicoli ad uso aziendale: deduzioni al 40%

Se per noleggiatori e autoscuole la deduzione rimane al 100% e per agenti di commercio nonché rappresentanti all’80%, per le auto ad uso esclusivamente aziendale o professionale sarà stabilito il vincolo di deducibilità al 40%. In questo caso scatterà anche il limite di costo per ammortamenti e leasing di 18.076 Euro, oltre il quale l’ammortamento sarà dedotto solo per 1.808 Euro all’anno (40% della quota nnua, pari al 25%).

Per gli ammortamenti la deducibilità del 40% (o 90% per auto in uso dipendenti) riguarderà anche le auto acquistate prima del 2007.








di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il


Torna su