Preventivo assicurazione auto: calcolarlo online e avere un'assistenza telefonica indipendente

Si chiama “Rc auto per te” ed è un'iniziativa promossa dal Movimento Consumatori per calcolare e confrontare i preventivi delle varie polizze RC Auto

Si chiama “Rc auto per te” ed è un'iniziativa promossa dalMovimento Consumatori per calcolare e confrontare i preventivi delle varie polizze RC Auto. (v.articolo)
Cofinanziato dal Consiglio Nazionale Consumatori e Utenti (CNCU), il srvizio offre agli automobilisti la possibilità di calcolare gratuitamente il proprio preventivo on line e avere a disposizione un numero verde per qualsiasi chiarimento.

“Risulta spesso difficile individuare la tariffa migliore – spiega Lorenzo Miozzi, presidente dell’associazione - sia per il numero elevato di compagnie assicuratrici, sia perché le informazioni offerte non sono sufficienti, sia per la non facile comparabilità delle offerte”.

Il sistema di preventivo permette agilmente di confrontare le diverse proposte assicurative compilando i requisiti della propria polizza con un contorno di informazioni e materiali utili sul mondo delle assicurazioni (leggi e sentenze, modulistica, domande frequenti) e un vademecum da conservare nella propria auto.

Nel caso in cui ci fossero ulteriori dubbi o imprecisioni nel servizio il cittadino potrà contattare gratuitamente il numero verde predisposto da MC 800.774.770 (dal lunedì al venerdì dalle 14.30 alle 18.30).

L’iniziativa prevede anche l’educazione stradale dei minori di età compresa tra gli 8 e i 12 anni attraverso un gioco interattivo realizzato, per far conoscere ai bambini gli elementi base della sicurezza stradale, che sarà inviato a diverse scuole sul territorio italiano e distribuito gratuitamente presso le sedi associative, in abbinamento ai materiali per gli adulti su tariffe e contratti.


L’Osservatorio sulla pubblicità ingannevole del Mc effettuerà, inoltre, un monitoraggio delle comunicazioni commerciali delle polizze assicurative Rc auto per verificare che esse corrispondano ai criteri di correttezza, onestà e verità.








di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il


Torna su