Vita Media in Italia nel 2050: 83 anni per gli uomini e 88 anni anni per le donne secondo l'Istat

La vita media degli uomini cresce da 77,4 anni nel 2005 a 83,6 nel 2050; quella delle donne da 83,3 anni a 88,8

L'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni ha redatto un nuovo regolamento che crea procedure più semplici in caso di controversie tra i consumatori e gli operatori telefonici. I settori toccati dal nuovo regolamento sono i servizi di telefonia, l'accesso a internet o la televisione a pagamento.

Per gli utenti, d'ora in poi, ci sarà la possibilità di rivolgersi non più solo ai CoReCom la conciliazione delle controversie, ma anche a tutti gli organismi che sono riconosciuti dal Codice del Consumo approvato recentemente.

Un passaggio in particolare risulta essere interessante e riguarda le morosità. "Fermo restando l'obbligo di informare l'utente con congruo preavviso - si legge nel regolamento - l'operatore, salvi i casi di frode, di ripetuti ritardi di pagamento o di ripetuti mancati pagamenti e per quanto tecnicamente fattibile, può disporre la sospensione del servizio solo con riferimento al servizio interessato dal mancato pagamento".

"Non può intendersi come mancato pagamento il pagamento parziale di una o più fatture da parte dell'utente, qualora il pagamento omesso riguardi addebiti oggetto di contestazione". Il ritardato o mancato pagamento non può intendersi come ripetuto se nei sei mesi precedenti la scadenza della fattura in questione i pagamenti sono stati effettuati senza ritardi".

Sintetizzando, significa che, in caso di contestazione di un servizio addebitato ingiustamente, a detta del consumatore, sarà possibile rifiutare il pagamento della bolletta o di parte di essa senza il rischio di subire la sospensione o la revoca del servizio.


Il regolamento sarà attivo solo in seguito alla pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale, prevista entro questa settimana.





di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il


Torna su