Vendita Video online: sistemi come iTunes saranno un flop a causa della distribuzione gratis

Alla fine di quest'anno, le vendite di video online dovrebbero quasi triplicarsi, raggiungendo il valore di circa 184 milioni di euro, rispetto ai 72 milioni stimati per l'anno scorso

I sitiinternet che vendono film e video come iTunes di Apple raggiungerannoprobabilmente un picco di ricavati quest'anno per poi diminuiregradualmente, visto che un numero sempre maggiore di programmi è resodisponibile gratuitamente online, grazie ai ricavati della inserzionipubblicitarie. Alla fine di quest'anno, le vendite di video onlinedovrebbero quasi triplicarsi, raggiungendo il valore di circa 184milioni di euro, rispetto ai 72 milioni stimati per l'anno scorso. Ameno che i consumatori non comincino tutti a pagare per i videoscaricati, però, l'aumento delle vendite online è destinato a diminuireil prossimo anno, secondo una ricerca condotta da Forrester.

"Nel mondo dei video online, iTunes è solo una soluzione temporanea peri consumatori, che aspettano l'arrivo di migliori occasioni perprocurarsi i loro video", ha detto James McQuivey, analista diForrester e autore della ricerca che definisce il mercato dei videoonline un "vicolo cieco". Forrester prevede che la crescita dellevendite di video attraverso Internet sarà molto modesta per il 2008.

La confusione che esiste tra i vari formati in cui si possonoregistrare i video, la difficoltà di vedere sugli schermi dellatelevisione i filmati scaricati e altri problemi tecnici hanno tenutola media degli utenti di Internet lontana dal mercato dei video.Inoltre, gli sforzi fatti dalle aziende di distribuzione tradizionaliper rendere alcuni video disponibili gratuitamente su internet -- comeil sito video di MovieLink, che è sponsorizzato da alcune major diHollywood, quello dei negozi di Wal-Mart e quello di Amazon.com,chiamato Unbox -- sta rendendo la vita difficile ai siti video apagamento.

Anche News Corporation e NBC Universal hanno creato insieme un servizioper rendere disponibile un archivio di show via internet. "Finirannocol vincere i servizi gratuiti", ha detto McQuivey.








di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il


Torna su