Utenti italiani su Internet: aumenta l'uso del web 2.0 e le ore di permanenza sul web

Nielsen//NetRatings conferma un'utenza italiana in crescita, in particolare sui siti di video e del Web 2.0

Nielsen//NetRatingsha comunicato i dati ufficiali relativi allo scenario Internet inItalia nel mese di marzo 2007. Sono cresciuti il numero dei net-surfer:18,8 milioni gli utenti che si sono connessi al Web almeno una voltanel mese da casa o dal luogo di lavoro (+2% rispetto a febbraio 2007,+5% rispetto a marzo 2006), che diventano 20,7 milioni prendendo inconsiderazione anche chi ha utilizzato applicazioni quali l’instantmessenger o i programmi per scaricare musica e film.

«Il mondo del Web 2.0, e in particolare dei contenuti digitaliaudiovisivi, è il beneficiario privilegiato dell’alta velocità.L’ampliamento della banda consente una nuova esperienza di navigazione,più dinamica e appagante, capace di coniugare la fruizione televisivadell’immagine e dei suoni con l’interattività della rete», hadichiarato Ombretta Capodaglio, Marketing Manager Nielsen//NetRatings.

Questo a conferma dei successi dei siti del Web 2.0 come YouTube, icanali video di Libero, Alice, Google e le Web TV (come le sezioni TV eMultimedia di Repubblica e i Mediacenter di Corriere e Gazzetta), maanche dei motori di ricerca “umani” come Wikipedia (6,6 milioni diutenti, più che raddoppiati nell’ultimo anno) e Yahoo! Answers (che in10 mesi ha raggiunto un’utenza di 2,2 milioni) e dei siti dovecostruirsi una vita virtuale come Second Life (ancora poco visitato inItalia, ma che solo nell’ultimo mese ha visto triplicare la propriautenza, passata dai 70 mila utenti di febbraio ai 230 mila utenti dimarzo).

Accanto a questi siti, continua a crescere anche l’utilizzo delleapplicazioni Internet (14,8 milioni a marzo, +12% rispetto al 2006),dagli instant messenger (7,2 milioni di utenti solo per MSN Messenger,+48% nell’ultimo anno) al peer-to-peer e al «for free». eMule ha avuto6,4 milioni di utenti a marzo (+49% rispetto a un anno fa), Skype 2,5milioni (+54% nell’ultimo anno) e iTunes 2,1 milioni (+94% rispetto amarzo 2006).

Per quanto riguarda le categorie più tradizionali, a marzo gliinternauti hanno intensificato la presenza sui siti governativi e dellapubblica amministrazione (10,8 milioni di visitatori, +8% rispetto afebbraio), sui siti di ricerca di lavoro (+23% rispetto a febbraio) esui siti di travel. L’avvicinarsi delle vacanze pasquali e dei pontidel 25 aprile e 1 maggio sembra infatti stimolare la voglia di viaggi:9,5 milioni di persone (il 47% di tutti i navigatori italiani) hannovisitato un sito di travel nel mese di marzo.








di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il


Torna su