Carrefour si lancia nel settore della telefonia mobile con Unomobile. Accordo con Vodafone.

'Parlare di più, pagare di meno' è il payoff del nuovo operatore mobile italiano, UNOmobile.

"Parlare di più, pagare di meno" è il payoff del nuovo operatore mobile italiano, UNOmobile, che nascerà grazie all'accordo annunciato stamane tra Vodafone e Carrefour. L'alleanza, già siglata a gennaio, ma ora resa pubblica, è sul fronte degli mvno (mobile virtual network operator), gli operatori mobili virtuali che, non avendo né impianti né proprie frequenze in licenza, si accordano con gli operatori che le possiedono per farvi transitare clienti e servizi.

L'apertura di Vodafone agli mvno è cosa nota, e lo stesso Pietro Guindani, amministratore delegato Vodafone Italia, dichiara: "Abbiamo dato seguito agli impegni presi con l'autorità Antitrust e con l'Agcom".
L'offerta al pubblico arriverà entro la fine della primavera: Carrefour, che vanta 1.600 punti vendita anche grazie alle controllate del calibro di Gs e Dìperdì, e che per questa operazione ha costituito Carrefour Italia Mobile (CIM), avrà autonomia nella scelta della numerazione (il prefisso sarà 3773), delle sim, del logo, dei servizi che vorrà offrire e anche del prezzo da applicare. Tra le scelte commerciali, vi sarà anche quella di fornire convenienti sinergie con le carte clienti e con la Carta Pass, uno strumento personale per il pagamento del conto al supermercato.
Secondo Pietro Guindani, "da oggi sono 5 gli operatori cellulari in Italia".
Il gigante della grande distribuzione non è nuovo nel settore: in Belgio, Francia e Spagna ha già preso accordi con gli operatori telco per servizi analoghi.





di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il


Torna su