Liberalizzazioni: un successo per panettieri e parafarmacie. Aperte finora a centinaia

In occasione della Giornata Europea del Consumatore si è svolto a Roma il convegno 'Liberalizzazioni, semplificazioni amministrative e class action'

Le liberalizzazioni rappresentano uno stimolo perché le imprese si riconvertanosul mercato con nuovi modelli di presenza: sono fatte perché le impresediventino più moderne. E in occasione della Giornata europea delconsumatore, il ministro dello Sviluppo Economico Pier Luigi Bersani haanticipato una prima lenzuolata di dati sulle liberalizzazioni: "è diieri la notizia che si sono può comprare l'aspirina in autostrada, sonogià state aperte 955 nuove parafarmacie, centinaia di panetterie sonostate aperte senza licenza e in un mese l'8,9% delle pratiche RC autosono state rimborsate con l'indennizzo diretto".

L'occasione è stata rappresentata dal convegno"Liberalizzazioni, semplificazioni amministrative e class action", chesi è svolto oggi a Roma, organizzato dalla Direzione Nazionale Ds,Dipartimento Economia e Lavoro con la presenza, oltre che del ministroBersani, della capogruppo dell'Ulivo al Senato Anna Finocchiaro, delcapogruppo dell'Ulivo alla Camera Dario Franceschini e deirappresentanti delle associazioni dei consumatori.

"I temi legati al mondo consumeristico devonofar parte dell'agenda politica - ha commentato Andrea Martella,responsabile nazionale Ds Attività Produttive - E sono con forzanell'azione del Governo che si è mosso per promuovere la tutela eampliare la dimensione del cittadino consumatore". E se "maggioreconcorrenza significa passare da una economia corporativa a unaeconomia competitiva", le politiche di liberalizzazione rappresentanouna leva di sviluppo per l'economia. Con i primi risultati: sono stateaperte centinaia di nuove parafarmacie, i costi dei conti correnti sisono abbassati e molti hanno fatto a meno del notaio. "Si tratta - hadetto Martella - di una chiara linea di politica economica".

E se la class action è stata illustrata con una metafora daparte del relatore del disegno di legge Alessandro Maran - "Unagiurisdizione senza azioni collettive è come un trasporto pubblico chepreveda solo taxi e non autobus" - Anna Finocchiaro ha sottolineato chele novità rappresentate dalle liberalizzazioni "contano su quello chenel Paese c'è di vitale e fanno un investimento sulle nuovegenerazioni": "Credo che questo paese debba dotarsi di un sistemaflessibile di risposta giudiziaria e che un cittadino debba sceglierese andare di fronte a una Camera di conciliazione, se rivolgersi allaclass action oppure rivolgersi al Giudice di pace o al Tribunale. Pensoanche a un sistema flessibile di tutela in cui il cittadino, e leimprese, possa trovare risposta in tempi ragionevoli". C'è daintervenire anche sulla Pubblica Amministrazione, come ha ricordatoDario Franceschini: "Dobbiamo mettere la stessa capacità di cambiamentonella Pubblica Amministrazione". Al convegno ha preso parte ancheMatteo Colaninno, presidente dei Giovani Imprenditori, che hasottolineato il coraggio del ministro per riforme a costo zero.

"Sono due le condizioni per il successo delle liberalizzazioni -ha commentato Giustini Trincia, vicesegretario generale diCittadinanzattiva - Rafforzare il pilastro civico per la tutela deidiritti dei cittadini consumatori. La class action è un bene per lestesse imprese. E armonizzare le liberalizzazioni con le altre riformeindispensabili. Ad esempio nei servizi pubblici locali la riforma deveessere finalizzata al miglioramento della qualità dei servizi pubblicilocali".








di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il


Torna su