Gabetti, primaria società immobliare italiana, va su Second Life. Costruirà case?

Gabetti sbarca su Second Life

Gabetti sbarca su Second Life. Alla fine anche il business forse piùconcreto che esista, ossia quello del mattone subisce l'attrazione diquel mondo virtuale che è la nuova piattaforma nata nel 2003 e cheormai possiede più di 4,4 milioni di visitatori.

Il management della società immobiliare milanese guidato da MaurizioMonteverdi ha infatti appena creato il suo avatar, ossia il suoalterego virtuale, su Second Life e insieme ad altri 4 manager delgruppo e si è comprato la sua isola digitale. Da ora il business andràin parallelo nel mondo reale e sul web. L’investimento per la nuovasede e le nuove identità è stato modesto (ovviamente le case di bitcostano un po' meno) e ammonta a circa 50 mila euro. Ma non si trattadi un gioco. Monteverdi si è infatti proposto degli obiettivi seri: icinque avatar che rappresentano i cinque manager della compagniadovranno risuscire entro aprile ad entrare in possesso di unportafoglio immobiliare ed entro la metà di agosto a svolgeretransazioni per 250 mila linden dollar. Il linden dollar la monetavirtuale usata su Second Life e 260 linden Dollar sono convertibili inun dollaro: ai cambi di oggi questo vuol dire che Gabetti calcola perla fine d'agosto di risucire a svolgere transazioni pari a 961 eurocirca.

Insomma Monteverdi non diventerà miliardario subito, ma di certol’idea gli farà un sacco di pubblicità. Proprio in tema di mondivirtuali, proprio oggi Sonyha annunciato il lancio di un prodotto concorrente a Second Life chegirerà sulla nuova Playstation. Insomma Gabetti farà bene a muoversicon attenzione: non è ancora scontato che le terre di Linden sarannol'unico o il principale mondo virtuale universale.





di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il


Torna su