Abolite le ricariche telefoniche da tutte le società mobili, compresa Wind

Basta con i costi di ricarica: Tim, Wind, Vodafone e 3 Italia si adeguano

Gli operatori mobili, da ieri, hanno confermato il pieno rispettodel decreto Bersani. Finisce così l'era della ricarica «con obolo»,valutato in circa 1,8 miliardi di euro all'anno. Le associazioni deiconsumatori hanno dichiarato che vigileranno sull'operazione, in modoche possano essere scongiurati aumenti ingiustificati delle tariffe.

Timha deciso di aderire alle nuove norme nella maniera più semplice: ilcompleto valore di una ricarica sarà tradotto in traffico utilizzabile.Inoltre, il credito a disposizione non avrà scadenza.

Stessa cosa per Vodafone,che ha anche reso disponibili cinque nuovi piani tariffari: quelli conscatto alla risposta prevedono un innalzamento del suo costo da 15 a 19centesimi di euro.

Windsi è adeguata alla nuova policy sulle ricariche lanciando i nuovi pianiWind 5, Wind 12 e New e Senza Scatto New che, di fatto, aumentanoleggermente le tariffe o lo scatto alla risposta.

3 Italia, invece, ha preferito seguire la strada di Tim mantenendo inalterate le tariffe.





di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il


Torna su