Conti correnti per stranieri ed extracomunitari: Unicredit, Banca Intesa e Banca sella ne creano ad

Il multiculturalismo sembra aver contagiato anche il refrattario mondo del credito, apertosi di recente a nuovi prodotti e linee di credito disegnate su un utenza di extracomunitari residenti.

Il multiculturalismo sembra aver contagiato anche il refrattario mondo del credito, apertosi di recente a nuovi prodotti e linee di credito disegnate su un utenza di extracomunitari residenti. Un mercato potenziale di grosso calibro quello degli immigrati che conta circa 2.800.000 persone per un reddito complessivo di 25,7 miliardi. Secondo i dati rilevati dal Sole 24 Ore sarebbero 4,8 i miliardi di credito concessi dalle banche, in rapida evoluzione verso le esigenze di questa nuova parte di popolazione. Ultima tra gli istituti di credito in ordine temporale Unicredit, che, con la sua Agenzia Tu, ha inaugurato una serie di sportelli dedicati all'utenza extrafrontaliera residente in Italia. Un sito Internet (www.agenziatu.it), un call center (800.99.19.05) ed operatori stranieri offrono assistenza continua ai clienti già a Bologna e Milano.

Gli sportelli del nuovo servizio propongono un package di conto corrente (CONTO TU) a 5 Euro mensili che comprende:

    * spese di scrittura per 30 operazioni a trimestre;
    * spese fisse trimestrali di liquidazione per conti con saldi creditori;
    * costi per il rilascio di carnet assegni;
    * l'addebito automatico delle utenze;
    * l'adesione ai servizi di banca online (Internet e telefono);
    * i costi per la disposizione, con modalità telematica, di sei bonifici esteri (per anno solare) verso banche estere convenzionate con UniCredit, per importi singoli non superiori a 12.500 euro;
    * il costo annuo di due carta Bancomat internazionali CASH TU (una per ciascun intestatario del conto);
    * le spese di emissione di una carta prepagata ricaricabile (EASY TU);
    * la quota annua di due carte di credito revolving (MONEY TU);
    * una polizza assicurativa (ASSISTENZA TU) che, oltre ad offrire consulenza burocratica e assistenza in materia di lavoro, copre:
                  - le spese di viaggio (andata e ritorno) sostenute dal titolare del conto per il rientro al paese di origine in caso di decesso di suoi familiari;
                  - le spese di viaggio (andata e ritorno) sostenute da un familiare del titolare del conto per raggiungere quest'ultimo nel caso necessiti di assistenza a seguito di ricovero ospedaliero;
                  - vari servizi di consulenza sanitaria telefonica e assistenza stradale.

Se il gruppo di Profumo sembra determinato ad aprire entro fine anno ulteriori 8 sportelli in giro per l'Italia, altri competitors hanno già invaso il mercato del credito personale come nel caso del conto People di Banca Intesa, senza canone mensile con carta di debito, libretto degli assegni e domiciliazione delle utenze gratuite. In questo caso scegliendo carta "People Family" si potranno trasferire i soldi a una o più persone all'estero.

Per una visione di insieme dei servizi per stranieri offerti dai principali istituti italiani consultare la road map del Sole 24 Ore .


Non rimangono a guardare le banche online che con il gruppo Sella propongono con il World Service costi contenuti per il Money trasfer verso Ecuador, Argentina, Sri Lanka, Filippine, Senegal, Tunisia, Marocco, Brasile, Albania, Polonia a costi contenuti (da 7,75 a 14 euro a seconda della destinazione) e in tempi certi (le somme sono disponibili per il destinatario massimo entro 3), finanziamenti multiscopo per importi massimi di 15.000 euro destinati all’acquisto di beni di consumo o per iniziare/ampliare un’attività, tre conti correnti dedicati:

    * Sws Basic-Servizio Bancario di Base (per i privati, canone trimestrale di soli 2 €),
    * Sws Advanced (per i privati, carte gratuite e 18 € di canone a trimestre)
    * Sws Professional (per le piccole attività, 0,25% di tasso, 12 € di canone trimestrale).

Ce n'è proprio per tutti gusti, provenineze e colori, basta sapersi muovere e saper decifrare la complessa lingua del credito personale.....ostica a qualsiasi cultura!








di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il


Torna su