Le strategie di Apple per il 2007 presentate ad un incontro con analisti di borsa

AppleInsider riporta i commenti di Jesse Tortora, analista di Prudential Equity Group, a seguito di un incontro con alcuni esponenti del management Apple svoltosi a Cupertino la settimana scorsa

AppleInsiderriporta i commenti di Jesse Tortora, analista di Prudential EquityGroup, a seguito di un incontro con alcuni esponenti del managementApple svoltosi a Cupertino la settimana scorsa. Due sono i punti fondamentali emersi dall'incontro.

La prima notizia riguarda iPhone: Apple si aspetta di vendere granparte dei dispositivi attraverso la sua rete commerciale (gli AppleStore) con un conseguente notevole incremento di fatturato per la rete retail.

In seconda battuta, Tortora riporta, più genericamente, leintenzioni di Cupertino riguardo l'ampliamento della gamma di prodotti. Pareche, almeno per l'anno in corso, il management Apple sia intenzionato aconsolidare le linee di prodotto attuali (Mac, iPod, iPhone, Apple TV)e non ci sia interesse a breve termine per il rilascio di nuovecategorie di prodotto.

E' una strategia molto sensata, che merita un breve approfondimento.
Lagamma Mac, pur essendo stata protagonista, nel 2006, di una rivoluzionetecnologica con il passaggio ad Intel, è mediamente piuttosto vecchia.
Comeabbiamo già avuto modo di discutere, la gamma è caratterizzata da undesign mediamente vecchio di 3 anni, con ai due estremi le due linne diportatili: il MacBook ha circa un anno, il MacBook Pro è esteticamentelo stesso addirittura dal 2003. In molti, dunque, si aspettano un progressivo rinnovamento, spalmato durante l'anno in corso.

Passandoad iPod, è da rilevare che il lancio di iPhone ha, di fatto, reso unpo' desueto iPod Video; sulla rampa di lancio dovrebbe dunque esserciun nuovo player top di gamma.


Di iPhone e Apple Tv ne abbiamo parlato già diffusamente. Sono prodotti in piena fase di lancio ed è giusto che Cupertino punti molto su di essi.

Come abbiamo visto, dunque, sarà probabilmente un 2007 ricchissimo di novità, anche senza nuove linee di prodotto...






di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il


Torna su