Unicredit: se arrivasse una offerta da 9 euro ad azione si potrebbe pensare di vendere secondo Profu

Poco più di una battuta: però basta a confermare il suo approccio anglosassone al mercato

Poco più di una battuta: però basta a confermare il suo approccioanglosassone al mercato (se ce ne fosse stato bisogno). Al settimanalerusso Expert Alessandro Profumo,l’amministratore delegato di Unicredit che ha guidato la conquista allabanca tedesca Hvb, ha dichiarato un po’ per gioco e un po’ sul serioche, se per la sua banca giungessero offerte da 9 euro in su, potrebbeanche farci un pensierino.

Si tratterebbe di un premio di circa il 30% sull’attuale corso delleazioni. Ma, per quanto il calcolo sia semplice, nessuno parlaseriamente di possibili assedi all’istituto di piazza Cordusio:Unicredit sembra troppo grossa e solida per apparire appetibile. Unproblema però ci sarebbe e forse era proprio a questo che Profumoalludeva con la sua boutade.

L’azionariato di Unicredit è suddiviso tra diversi piccoliazionisti, fondazioni soprattutto, che non hanno nemmeno siglato unpatto di sindacato: fino a che punto una delle più grandi banche delmondo potrà abbinare una governance solida a una compagine proprietariatanto fragile? Questo appare oggi il vero dubbio di Profumo. Nelfrattempo i complimenti fioccano e in attesa della presentazione dei dati del bilancio 2006 già qualche advisor alza il prezzo obiettivo dei titoli Unicredit. Poco tempo fa infatti gli analisti del Credit Suisse First Boston hanno alzato il target price dell’azione a 7,8 euro dal precedente 7,7.

Insomma i bilanci non sono ancora usciti, ma già si raccolgono irisultati. C'è da dire che in realtà quest’anno la valutazione deibilanci delle banche sarà complicata dall’adozione degli Ias (nuovicriteri contabili per la redazione del bilancio) e dal terremoto difusioni e consolidamenti che ha un po’ confuso il quadro. Su una cosaperò gli esperti concordano: per i ricavi del mondo del credito quellopassato è stato un anno da record.





di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il


Torna su