Vendite saldi: buoni risultati che portano una boccata di ossigeno dopo quelle deluduenti di Natale

Dopo la delusione delle festività gli esercenti tirano il fiato facendo un primo bilancio dei saldi di fine stagione che si avviano a conclusione

Dopo la delusione delle festività, che non hannoportato la sperata ripresa dei consumi, gli esercenti tirano il fiatofacendo un primo bilancio dei saldi di fine stagione che si avviano aconclusione. Se infatti le miti temperature hanno prodotto durante loscorso Natale un calo delle vendite del 15% rispetto al 2005, per isaldi 2007 quasi un 70% dei commercianti è moderatamente soddisfatto,ed un buon 20% è ottimista e parla di incremento sensibile dellevendite rispetto all'anno scorso. E' quanto risulta da un'indaginecondotta dalla Confesercenti tra gli addetti ai lavori del settore modadi 39 province in 17 regioni italiane.

"In questo primo bilancio -sottolinea il vice direttore generale della Confesercenti, MauroBussoni, responsabile delle politiche commerciali - c'è un doppio datopositivo: da una parte il risultato delle vendite, capace di farrecuperare ottimismo agli operatori, dopo questi ultimi anni di fortecalo dei consumi; dall'altra il modo in cui i saldi si sono svolti,l'assenza di anomalie ed il comportamento degli imprenditori che haricevuto addirittura la promozione da parte della trasmissionetelevisiva Le Iene".

"Resta però da sciogliere il nodo della disciplina del saldi.In generale - spiega Bussoni - la categoria dei commercianti delsettore moda, chiede che non durino oltre 1 mese e vengano "tarati" inmodo più adeguato, operando per una maggiore armonizzazione delle datedi inizio fra comuni di regioni confinanti".





di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il


Torna su