Windows Vista e Office 2007: vendite boom, ma Microsoft invita tutti alla prudenza

A quasi tre settimane dal lancio sul mercato consumer di Windows Vista, il Ceo di Redmond stempera l'entusiasmo

A quasi tre settimane dal lancio sul mercato consumerdi Windows Vista, il Ceo di Redmond stempera l'entusiasmo. È proprioSteve Ballmer a definire «troppo ottimistiche» le previsioni effettuatedagli analisti di Wall Street, secondo cui la vendita di personalcomputer aumenterà del 12-15 per cento grazie alla nuova distribuzionedel sistema operativo. Negli ultimi tempi, infatti, il tasso dicrescita dei Pc ha subito rallentamenti dovuti, in parte, alla lungaattesa e ai frequenti rinvii di Vista.

Un fattore rilevante èil profilo richiesto per installare il sistema; i requisiti richiestisono troppo elevati e difficilmente gli utenti convertiranno in massail proprio hardware, soprattutto considerato il fatto che molti deisoftware prodotti da terzi non sono ancora completamente compatibili nétanto meno ottimizzato.
L'influenza di Windows Vista sui profittiaziendali e sul mercato dei personal computer si potrà analizzaresolamente nel lungo periodo: l'obiettivo di Ballmer è che i primi noveobiettivi di Microsoft portino entrate per 500 milioni di dollari entroi prossimi tre anni e, ovviamente, anche il sistema operativo èconsiderato in questa classifica.

Unaltro obiettivo importante nelle politiche dell'azienda di Redmond è ilruolo nel mercato dei search engine e dell'online advertising; la terzaposizione sta stretta a Ballmer e la piattaforma Live sarà il punto dipartenza per ricerca e sviluppo.
Microsoft confida nella crescitadel sistema di ricerca e spera in una scalata verso Google. Si cercaquindi una maggiore attenzione verso i nuovi modelli di business, chesorgono spontaneamente e gli investimenti previsti nel settoreaumenteranno anche per la stessa Microsoft, che si dichiara preoccupatadall'open source e da Linux in particolare.








di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il


Torna su