Finanziamenti PMI per la tecnologia nel Lazio: 620mila euro offerte dal programma Attila

E’ denominato 'Attila' e nasce per aumentare la competitività delle PMI nel campo dell’innovazione e del trasferimento di tecnologie innovative

Si tratta del Programma Advanced Technologies Transfer for InnovativingLatium (ATTILA), che è stato presentato dall’Assessoreall’Istruzione della Regione Lazio, Silvia Costa.Tale programma si inserisce nel complesso delle azioni previste dallaSovvenzione globale sulla nascita e lo sviluppo dell’impresa (Misure D3e D4 del Fse 2000-2006), che ammonta complessivamente ad oltre 10milioni di euro. Per quanto riguarda il Programma “Attila” sultrasferimento tecnologico l’Assessorato all’Istruzione ha messo adisposizione oltre 620 mila euro.

Organismo intermediario selezionato dalla Regione Lazio è laEuroprogetti & Finanza, mentre soggetto attuatore è l’Associazionetemporanea d’impresa composta da CNR (Consiglio Nazionale delleRicerche), LUISS (Libera Università degli Studi Sociali) e FondazioneROSSELLI (capofila).
Saranno realizzati workshop interattivi, ai quali saranno invitatirappresentanti di Università, centri di ricerca pubblici e privati,istituzioni finanziarie e intermediari tecnologici, che vedranno lapresenza di uno o più facilitatori, con possibilità di avvalersi delnuovo servizio “Blus – Borsa Lavoro Università La Sapienza”, realizzatoda Regione Lazio, Provincia e Comune di Roma e Laziodisu, Agenziaregionale per il diritto allo studio universitario. Durante gliincontri le imprese e i potenziali imprenditori (in particolarericercatori pubblici e giovani laureati) potranno comunicare le proprieconoscenze specifiche e metterle a disposizione degli altri intervenutied avranno la possibilità di acquisire le esperienze ed i contributidegli esperti del settore, ponendo loro domande sulle problematiche ele modalità relative al trasferimento tecnologico.

"In Regione esiste un tessuto di imprese dinamiche e sempre piùorientate alla conoscenza, che necessitano una risposta tempestiva allaloro domanda di innovazione, assolutamente necessaria per mantenereelevata la competitività”, ha affermato l’Assessore Raffaele Ranucci.“Il Progetto Attila costituisce appunto un ulteriore passo che il Laziocompie verso l’obiettivo di Lisbona 2010, inserendosi all’interno dellastrategia generale che la Giunta Regionale sta portando avanti neisettori della ricerca e dell’innovazione".

"Da una ricerca svolta dall’Università Luiss con la Fondazione Rossellisulla struttura dell’industria laziale, sulla sua capacità diinnovazione e relazione con il sistema della ricerca", ha dichiarato ilprof. Franco Fontana, preside della Facoltà di Economia della LuissGuido Carli, "emerge come il territorio laziale sia caratterizzato dauna rilevante capacità di ricerca. L’entità degli investimenti inR&S rappresenta nel Lazio il2.1% del PIL contro la media nazionale dell’1,1%. E’proprio in questa direzione che siinserisce Attila, il cui obiettivo è proprio quello di contribuireall’individuazione e alla valutazione di tecnologie e brevetti chepossano essere trasferiti con successo alle imprese laziali, perincrementare la competitività tecnologica dei loro prodotti e dei loroprocessi produttivi".








di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il


Torna su