Fiat penalizzata dalle vendite nel giorno della presentazione del bilancio del 2006

Il titolo chiude la seduta a piazza Affari a quota 15,9 euro con una flessione dell’1,17%

Fiat penalizzata dalle vendite nel giorno della presentazione delbilancio del 2006. Il titolo chiude la seduta a piazza Affari a quota15,9 euro con una flessione dell’1,17% Dopo le anticipazioni in pillolesul bilancio di oggi, i dati di Cnh usciti ieri e soprattutto il rallydelle azioni degli ultimi tempi, qualche realizzo era forse prevedibile.

In ogni caso l’esercizio 2006 del Lingotto si è chiuso con datipositivi. I ricavi quest’anno hanno raggiunto i 51,8 miliardi di eurocon un incremento dell’11,4% L’utile netto è sceso a 1,15 miliardieuro, rispetto a 1,4 del 2005. Sui dati del 2005 però avevano influitoproventi atipici come gli 1,1 miliardi di euro di indennizzo da GeneralMotors e gli 878 milioni di plusvalenza realizzati con la vendita diItalenergia Bis. Il calo dell’utile operativo da 2,215 miliardi di euroa 2,01 miliardi è in questo senso indicativo. Il flusso di cassaristornato a livelli soddisfacenti sostiene comunque un bilancio chepermette la distribuzione di dividendi per 276 milioni di euro. La cedola per le azioni ordinarie sarà di 0,155 euro.

Rilevante il calo dell’indebitamento industriale netto di Fiatdimezzatosi a 1,7 miliardi. In totale il gruppo dichiara unindebitamento netto da 10 miliardi (ridottosi di un terzo rispetto ai15 di fine 2005).

Per l’anno prossimo il Lingotto prevede di mantenere gli obiettividel piano industriale. Pur nella confermata focalizzazione sul corebusiness di Fiat con il taglio agli investimenti ritenuti accessori, ilgruppo continuerà a investire nella politica di rilancio del brand.





di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il


Torna su