Nuove forme di comunicazione e pubblicità arrivano anche in Italia: la drink art

Nuove forme di comunicazione. Lo diciamo, lo sentiamo dire, lo leggiamo. Ovunque si leva l'incitamento verso nuove forme di espressione e di comunicazione

Nuove forme di comunicazione. Lo diciamo, lo sentiamo dire, loleggiamo. Ovunque si leva l'incitamento verso nuove forme diespressione e di comunicazione. In questo caso parlo più strettamentedi forme artistiche d'espressione ma con forti connotazione di branding.

Miè arrivata voce, tramite un'amica milanese, che nel capoluogo lombardosi inizia a diffondere la tendenza della Drink Art. Già esplosa nellemaggiori capitali del mondo, arriva in Italia partendo dalla cittàitaliana simbolo dell'aperitivo, Milano. Forse grazie a questa"operazione" si tornerà a parlare della "gloriosa" Milano da Bere? Nonso, ci sapranno dire gli amici al di la del Po, ma al momento sembrainteressare.

Nello specifico si tratta di una forma d'arte,dove l'artista usa un drink per dipingere il proprio quadro all'internodei locali dove viene ospitato. E' sì forma d'arte, ma anchepromozione, sia per l'artista che per il locale. E' la redivivatendenza bohemien che sta attraversando i locali delle nostre cittàdalla scorsa primavera, quando alcuni locali di New York iniziarono alanciare alcuni aspetti retrò per intendere l'aperitivo. Dagliarredamenti, ai menù sino alle novità artistico/letterarie che sembranodover accompagnare il momento dell'happy hour.drink

Prevedo giàche i fabbricanti di liquori proveranno ad andare incontro a questaparticolare forma d'arte moderna promuovendo nuovi cocktail da usarsicome colori per questi artisti. Rimane invariata una cosa: che il primoche osa mettermi un pennello o un qualsiasi altro attrezzo nel miomojito, lo trito.





di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il


Torna su