Costi telefonici: dall'anno prossimo si potranno dedurre all'80% molto probabilmente

Possiamo affermare con una certa sicurezza che a partire dall'anno prossimo si potranno dedurre nella misura dell'80% le spese in telefonia

Sei un libero professionista o un imprenditore?
Assodato chel'auto aziendale non ti conviene più, o sicuramente meno di prima, inbase a quanto decretato con collegato fiscale (Decreto Legge 262/06),passiamo alle buone notizie.

Seppur in attesa dell'approvazione definitiva da parte della Camerasul disegno di Legge per la manovra finanziaria 2007, possiamoaffermare con una certa sicurezza che a partire dall'anno prossimo sipotranno dedurre nella misura dell'80% le spese in telefonia.

La quota deducibile aumenterà infatti dal 50 all'80% per tutti iservizi di telecomunicazione digitale, via cavo, via radio e su fibraottica sia per le reti fisse che mobili. Il tetto unificato dell'80%sarà estendibile oltre a tutte le deduzioni per ammortamenti, aicontratti di leasing e noleggio, anche alle spese di manutenzione eimpiego relativamente ai terminali di comunicazione elettronica purchéad utilizzo pubblico.

La normativa esordiente consentirà di applicare il regime dideducibilità unificato a tutti i servizi di telecomunicazione,originariamente esclusi dal Tuir (Testo unico imposte sul reddito) tracui telefono, fax ed Internet, indistintamente all'operatore telefonicogestore del servizio. Rimarrà invece invariato l'alleggerimento fiscaledel 100% per le spese di telefonia mobile su mezzi di trasporto merci.

Se dunque potrete scaricare a cuor leggero telefonini e Internet,attenzione alle detrazioni Iva! Non subirà infatti cambiamenti ladisciplina sul valore aggiunto, la cui detraibilità rimane del 50% peri servizi di telefonia mobile e del 100% per il fisso.


Cari professionisti ed imprenditori, ricordate che, salvo modifichein sede di approvazione camerale della Finanziaria, dal 2007 potretegià applicare la daduzione all'80% nel calcolo del vostro imponibile2006, le nuove regole infatti avranno decorrenza a partiredall'esercizio successivo a quello in corso al 31 dicembre 2006 inriferimento dunque all'anno fiscale precedente.





di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il


Torna su