Google Video indagato in Italia per il video sul bullismo. Problemi anche in Francia

Google sta attraversando un momento difficile, almeno in ambito internazionale, per quanto riguarda la sua iniziativa e servizio Google Video

Google sta attraversando un momento difficile, almeno in ambitointernazionale, per quanto riguarda la sua iniziativa e servizio Google Video,che permette di cercare, guardare e recentemente anche acquistarefilmati da una collezione ricca di programmi TV, film, video musicali,documentari, produzioni personali e altro. Nei giorni scorsi infattisono emersi due casi distinti che mettono in discussione la legittimitàdi alcuni contenuti presenti nel servizio dedicato ai video e lacapacità del colosso della ricerca di effettuare un controllopreventivo degli stessi.

Le agenzie di stampa stanno battendo inqueste ore due notizie, la prima delle quali legata agli sviluppi diuna caso già scoppiato precedentemente che coinvolge direttamentel'Italia. Reuters Italia riporta: "Laprocura di Milano ha iscritto sul registro degli indagati con l'ipotesidi reato di concorso in diffamazione aggravata due consiglieridelegati, entrambi cittadini statunitensi, legali rappresentanti, diGoogle Italia -- ufficio italiano del motore di ricerca Usa Google --nell'ambito dell'inchiesta sulle violenze a un ragazzo disabiletorinese, filmate e messe sul Web. Lo hanno riferito fonti giudiziarie,aggiungendo che nel corso delle indagini la Guardia di Finanza haacquisito oggi alcuni documenti presso la sede legale della società inpiazzale Biancamano a Milano e ha effettuato una perquisizionenell'ufficio vendite di corso Europa della società, sempre a Milano". Questa indagine deriva dalla denuncia fatta da Vividown,Associazione Italiana per la Ricerca Scientifica e la Tutela dellaPersona Down, secondo la quale nel video incriminato vengonopronunciate frasi offensive nei confronti delle persone colpite dallasindrome di Down.

Secondo un'altra notizia, riportata sempre da Reuters: "Lacasa produttrice del film "Il mondo secondo Bush" ha intentato unacausa legale contro Google per aver distribuito gratuitamente il film …Flach Film haannunciato ieri di aver intentato l'azione legale contro la società Usadi ricerca sul web e la sua divisione francese, Google France, perviolazione del copyright, davanti a un tribunale civile parigino. Ilfilm, titolo originale 'The World According to Bush', è un documentarioinchiesta di due ore che indaga sull'amministrazione del presidenteGeorge W. Bush, la sua famiglia, compresi legami con la famiglia BinLaden. In una dichiarazione,Flach Film ha anche avvertito che un mercato legale di video suInternet non potrà svilupparsi se sono consentite pratiche del genere.'Flach Film chiede che al tribunale un provvedimento che imponga aGoogle di fornire un risarcimento per le perdite conseguenza dipratiche illegali', ha detto Flach, aggiungendo che Google "non haagito da semplice contenitore ma è pienamente responsabile dellapubblicazione". Dopo aver ricevuto la documentazione, Google ha rimosso prontamente i link al film dal servizio Google Video. "Terminie condizioni che adottiamo spiegano espressamente che gli utenti nonsono autorizzati ad usare video dei quali non detengano i dirittid'autore", ha dichiarato una portavoce del colosso. Bisognaevidenziare che il film in questione poteva essere visualizzatointeramente via internet e anche scaricato, ed ha fatto registrare inun breve periodo di tempo 43,000 accessi. Secondo Flach Film, il film,attualmente in vendita su DVD sul sito di Montparnasseal costo di 21€, è stato scaricato gratuitamente dagli utenti di GoogleVideo 50,000 volte. Per questo motivo la casa produttrice ritiene diaver ricevuto una danno maggiore di 500,000 euro.

Lapopolarità dei siti di video-sharing e social networking (inparticolare se user-generated) è in questi mesi più che mai minacciatadalle rivedincazioni legali delle media company, che chiedonorisarcimenti per la distribuzione di film, musica e video protetta dacopyright. Simili problemi hanno colpito varie volte il famoso YouTube, recentemente acquisitoda Google stessa per $1.65 miliardi (parte dei quali, a quanto pare,sarà proprio destinata a coprire le spese derivanti da eventualicontroversie legali).

I problemi di Google Video, emergono inoltre qualche giorno dopo la notizia che Universal Music Group ha intrapreso una azione legale contro il sito MySpace,accusando il servizio di violare i diritti d'autore di migliaia di suoiartisti. Secondo Universal infatti gli utenti del famoso sito di socialnetowrking eseguono l'upload di video illegalmente e MySpace è ancheresponsabile di contribuire a questo illecito convertendo i flussivideo per consentire la condivisione tra utenti.








di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il


Torna su