Eurofly +70% in una settimana, mentre Alitalia sembra non vedere la luce

Continua a volare Eurofly a piazza Affari. Le azioni hanno chiuso a 4,365 euro, in crescita del 12,12% con volumi di oltre sei milioni di pezzi, contro una media degli ultimi 30 giorni di 621mila

Continua a volare Eurofly a piazza Affari. Le azioni hanno chiuso a4,365 euro, in crescita del 12,12% con volumi di oltre sei milioni dipezzi, contro una media degli ultimi 30 giorni di 621mila. Già ieri si era assistito a una brillante performance del titolocon un +13,83% a quota 3,893 euro, dopo una sospensione per eccesso dirialzo. C'è da dire che nell'ultima settimana i risultati in borsa sonostati da record: il 16 novembre le azioni valevano 2,54 euro, vale adire una ottava in crescita del 71%.

Tutto grazie alle notizie notizie rese note ieri da ProfiloManagement - che ha una quota nella società controllata al 44,2% dalfondo Spinnaker - secondo cui esistono trattative informali con"controparti interessate a valutare ipotesi di operazioni anche diintegrazione". Decaduto l'amministratore delegato in seguito alledimissioni di due consiglieri, si attende l'assemblea del 27 dicembre,nella quale, qualcuno spera, troveranno posto nel cda anche nuovi soci,anche perché scade proprio il 21 del prossimo mese il vincolo checostringe Spinnaker e l'ad Augusto Angioletti (socio col 5,1%) a tenerele proprie azioni.

Una situazione insomma molto dinamica, dalla quale potrebbero venirefuori anche sostanziose novità entro la fine di quest'anno. Intanto lacompagnia allarga la propria offerta: "L'estate prossima aumenteremo lefrequenze Roma-New York, già prenotabili - spiega il vice presidenteesecutivo di Eurofly Armando Brunini - riteniamo che l'offerta daFiumicino sulla tratta sia ancora insufficiente. Stiamo anche valutandol'aggiunta di nuovi scali in Italia, oltre a quelli di Napoli, Bolognae Palermo, aperti prima di Roma. La compagnia deciderà entro la finedell'anno".








di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il


Torna su