Andare dal notaio: la prima volta sarà gratis

Il Consiglio nazionale del notariato (Cnn) per colmare la distanza tra notai e “gente comune” ha scelto una nuova strategia: quella degli sconti

Il Consiglio nazionale del notariato (Cnn) per colmare la distanza tra notai e “gente comune” ha scelto una nuova strategia: quella degli sconti.

Dal notaio la prima consulenza sarà gratis!

Quella dei notai, non é senz'altro tra le categorie più amate. Lasua presenza non serve al momento del finanziamento. Ma quando si fa ilrogito, o quando si iscrive l'ipoteca, rappresenta un passaggioobbligato, così come per ogni atto pubblico.

Le sue parcelle sono parametrate sul valore dell'atto (non sulle oredi lavoro) e la cifra che si versa comprende diverse voci non solol'onorario. Per esempio in una compravendita tra privati di un immobiledi 95mila euro la cifra complessiva da versare é pari a 3.150 euro(1.639 euro di tasse + 250 euro di Iva + onorario di 1.270 euro). Letasse aumentano, al crescere del valore dell'atto di compravendita, piùvelocemente all'onorario notarile.

Ma obblighi di legge a parte, il notaio, dovrebbe svolgere anche unruolo di consulenza su aspetti civili, fiscali e finanziari delleoperazioni: su come impostare il preliminare d'acquisto, per verificareeventuali presenze di vincoli anche occulti sull'immobile, su comeottenere agevolazioni fiscali. Per non parlare del suo ruolosuperpartes (o almeno così dovrebbe essere) tra acquirenti, venditori ebanche. Il notaio conosce costruttori, venditori, banche e istituti delterritorio e rappresenta una guida verso l'azienda ed il mutuo piùconvenienti.


“La nostra consulenza – spiega Pier Luigi Fausti, della commissionestudi del Cnn, al Sole24Ore – è a 360 gradi. Grazie alla nostraattività siamo radicati sul territorio, conosciamo icostruttori-venditori, le banche e gli istituti di credito, sappiamocome lavorano, e questo ci permette di guidare nella scelta chi sirivolge a noi.”





di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il


Torna su