INPS: in forte crescita le pensioni di anzianità. Verrà versato il 40% in più nel 2006

Su 717.846 domande di pensione giunte all'Istituto di Previdenza, 182.952 sono state quelle per anzianità e 122.913 quelle per invalidità

Nei primi nove mesi del 2006 sono arrivate all'Inps 182.952 domande di pensione dianzianità con un aumento del 10,5% rispetto allo stesso periodo del2005. È quanto emerge dai dati di processo produttivo dell'Istitutosecondo il quale sono in aumento anche le uscite dal lavoro pervecchiaia con 247.574 richieste e un incremento sui primi nove mesi del2005 del 12,5%. In totale le domande di pensione arrivate nei priminove mesi del 2006 sono state 717.846 con un aumento del 6,5% rispettoallo stesso periodo del 2005. Per l'intero 2006 l'Inps ha previsto dierogare 220.000 pensioni di anzianità con un aumento di circa il 40%rispetto al 2005.

Secondo i dati Inps sono aumentate rispetto all'anno scorso anche le pensioni diinvalidità (122.913 richieste in nove mesi con una crescita del 3,6%),mentre si sono ridotte le domande di pensioni indirette (quelle dovuteal coniuge e ai figli superstiti del lavoratore che muore prima diottenere la pensione, in nove mesi 22.131, -2,9%) e quelle direversibilità (142.276 in nove mesi con un -3,1%). La giacenza deltotale delle pensioni - si legge nei dati del processo produttivo - èdiminuita del 22,8% rispetto all'inizio dell'anno e del 3,9% rispetto adicembre 2005. È diminuita anche nel periodo la spesa per interessipassivi passata dai 77.676.248 euro dei primi nove mesi del 2005 a63.650.061 dei primi nove mesi del 2006.

Gli interessi per prestazionipensionistiche sono diminuiti del 17,5% mentre quelli per invalidicivili si sono ridotti del 18,1%. Le prestazioni per invalidi civilisono state 377.286 con un aumento del 6,8% rispetto ai primi nove mesidel 2005. Tra le prestazioni a sostegno del reddito è diminuita dimolto la disoccupazione ordinaria (45.108 prestazioni con un calo del35,9%) e quella con requisiti ridotti (3.675 casi con un calo del 74%)mentre sono aumentate leggermente le indennità di mobilità (10.560 conun +1,8%). La cassa integrazione per unità di lavoro a tempo pieno haraggiunto quota 121.841 soggetti integrati con un calo dell'8,2%.








di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il


Torna su