Niente sconti sul bollo per moto e auto e nessun sovratassa per i Suv nella finanziaria 2007

Dietro front del Governo anche sulla sovrattassa di circolazione per i Suv e le agevolazioni (bollo gratis per 5 anni) per chi acquista nuove autovetture ecologiche

Dietro front del Governo anche sulla sovrattassa di circolazione per iSuv e le agevolazioni (bollo gratis per 5 anni) per chi acquista nuoveautovetture ecologiche.

La maggioranza ha concordato ieri l'abolizione della sovrattassa suiSuv e degli sconti sul bollo per le auto di categoria Euro 4. Sarà poiridotta da 5 a 3 anni l'esenzione del bollo per chi acquista motocicliecologici rottamando quelli inquinanti, mentre per questi ultimiaumenterà il bollo (25, 23, 21 e 19 euro come minimo per i motocicli,rispettivamente di categoria Euro 0, 1, 2 e 3). Il risparmio, 160milioni, sarebbe destinato al trasporto pubblico locale. (leggi)

Invece da segnalare, in arrivo, un indagine svolta dal GIDPsull'Italia delle auto aziendali: chi e’ e soprattutto dove va quel97,44% di aziende che lo considera un’indennità?

Sono loro quelli più tartassati dai recenti sviluppidella manovra finanziaria: sono i dipendenti, per una buona fettaquadri e dirigenti, che contribuiscono ai costi aziendali versando uncanone all’azienda. Quelli che per usufruire del parco macchine per unuso promiscuo hanno già una trattenuta dalla busta paga. Quelli checonfondono la casa con il lavoro, perché presumibilmente l’azienda èpiccola e magari a gruppo famigliare. Mentre la sentenza della Corte diGiustizia Europea invece sgrava le aziende dall’Iva, soprattuttoladdove gli acquisti e i costi di gestione delle macchine, di prezzomedio alto, implicano un utilizzo meno promiscuo (anche se rimane invia di definizione una negoziazione più dettagliata). Mentre per ilmodello di alimentazione la scelta è quasi unanime (94,02%) ed è quelladel diesel.

E’ quanto emerge dai dati forniti dall’indagine conoscitiva 2006 effettuata da GIDP(HRDA - Human Resources Director Association) Associazione DirettoriRisorse Umane (un network di 1750 Direttori e Dirigenti, ResponsabiliRisorse Umane di imprese medio grandi), che ha campionato 117 Direttoridel Personale di aziende medio grandi, su un settore merceologico diappartenenza molto vario, con un fatturato medio di 361.000.000,00euro, per buona metà rappresentato dai servizi (26,0%), dalmetalmeccanico (20,9%), produzione e commercio (8,1%), commercio(8,1%), ma anche terziario, tessile, costruzioni, sanità privata,telecomunicazioni, editoria, cosmetica, alimentare, chimico, cemento,farmaceutico, plastica.





di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il


Torna su