In ribasso per la prima volta dopo molto tempo il prezzo della benzina in Italia

In concomitanza con il calo-petrolio, ecco qualche buona notizia anche per gli automobilisti: sono scattati i primi ribassi per il costo della benzina

Dopo gli ultimi rally, che hanno portato il greggio vicino a nuovi record storici, si registra finalmente un inversione di tendenza per l'oro nero. Sulla scia del cessate il fuoco in Medio Oriente e delle previsioni di un rallentamento dell'economia statunitense e cinese. I nuovi segnali di rallentamento sono stati accolti anche dall'Opec che, nel vertice di agosto, ha rivisto al ribasso le stime sulla domanda mondiale per il 2006.

E in concomitanza con il calo-petrolio, ecco qualche buona notizia anche per gli automobilisti:

Sono scattati i primi ribassi per il costo della benzina. La prima compagnia ad adeguarsi al calo delle quotazioni del greggio, e quindi a ridurre il costo della benzina senza piombo, é stata l'Eni, che ha ritoccato il prezzo della benzina presso i distributori Agip di 3 centesimi di euro, portando il costo della verde a 1euro 322 centesimi al litro al servizio self service. Il costo della benzina senza piombo con modalità servito é invece di 1,343 euro al litro. Per il diesel il prezzo consigliato al self service é di 1,202 euro (che sale a 1,223 con modalità servito), per il blu diesel é di 1,235 per il fai da te e 1,256 (modalità servito).

Il ribasso dell'Agip è il primo deciso da una compagnia petrolifera da maggio scorso ed arriva dopo che i prezzi erano saliti, a ridosso delle vacanze estive, fino a superare quota 1,4 euro al litro, rendendo così il pieno di un'auto di media-grande cilindrata più caro dell'11% rispetto a luglio 2005. (Ndr. Vi ricordate?)

Se almeno sul fronte della benzina ci sono segnali positivi, su quello delle bollette domestiche, invece, sono cavoli amari (leggi).


Anche se qualche beneficio potrebbe arrivare ove le quotazioni del greggio dovessero mantenere il trend ribassista - attestandosi, come stimato da alcuni trader, sui 65 dollari al barile nell'ultima parte del 2006.





di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il


Torna su