Entro il 2010 la maggioranza degli utenti si collegherà via Internet tramite cellulare

E' questa, in estrema sintesi, l'interessante tesi esposta recentemente dal 'telecommunications consultant' Tomi Ahonen durante un convegno svoltosi a Johannesburg. Qual'è la vostra opinione?

Il pc ha le ore contate. L'evoluzione inesorabile dei telefoni cellulari produce terminali sempre più adatti alla navigazione in Rete ed è veloce al punto che, entro il 2010, i websurfer che si collegano in mobilità potrebbero essere la maggioranza.

In quest'ottica, chiunque faccia o voglia fare business su internet deve necessariamente rivedere le proprie strategie commerciarli e renderle compatibili con il nuovo scenario.

In gioco c'è un'utenza potenzialmente enorme, mediamente molto giovane e abituata a spendere cifre anche consistenti in cambio di servizi "mobile". In pratica, un pubblico molto più "appetibile" per le aziende, con caratteristiche opposte a quelle del classico navigatore "stanziale" che richiede, e quasi esige, servizi gratuiti.

E' questa, in estrema sintesi, l'interessante tesi esposta recentemente dal "telecommunications consultant" Tomi Ahonen durante un convegno svoltosi a Johannesburg. Qual'è la vostra opinione?








di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il


Torna su