Miliardari della Sardegna contro la Tassa Soru sui bei di lusso

La lotta di classe sbarca (é il caso di dirlo) in discoteca. Per colpa di pochi metri la barca (ma sarebbe più corretto parlare di nave) di Flavio Briatore supera la lunghezza massima

La lotta di classe sbarca (é il caso di dirlo) in discoteca. Per colpa di pochi metri la barca (ma sarebbe più corretto parlare di nave) di Flavio Briatore supera la lunghezza massima. Tac! Scatta la Soru, l'imposta regionale sul lusso, e al "fidanzatino" d'Italia gli tocca pagare 15.000 Euro in più.

E allora che fare, pagare o non pagare?

Briatore non ci sta, perché lui, quella tassa, proprio non la digerisce, é una tassa "ingiusta", e allora non la si paga. Perché dopo aver lottato contro il cancro ed avere deciso di "dedicare più tempo a chi ha più bisogno" non si può davvero lasciar perdere. E allora forza, tutti al Billionaire per un sit-in, a base di caviale e champagne però! Forza, dame e cavalieri (leggi), VIP e FIP d'Italia, unitevi!

E mentre il gioielliere libanese-fiorentino-svizzero Fawaz Grousi apparecchia il suo compleanno per 250 "nuovi poveri senza fissa dimora" (da Lenny Kravitz a Valeria Marini), il manager proprietario della Renault Formula 1 invece "Manifesta".

Potendo, Briatore, é riuscito pure a comprare l'ultima pagina della Nuova Sardegna, giornale un pò filo-soriano, ma molto diffuso al nord della regione. (leggi)


"Gli imprenditori investono e spendono dove vengono accolti a braccia aperte e non a pugno chiuso" Secondo le cifre della Rete dei porti la tassa sul lusso ha provocato un vero e proprio fuggi fuggi generale: tra il primo e il 30 giugno si sono fermate in Sardegna 99 imbarcazioni mentre nel 2005 ad attraccare nell'isola erano state 254. Dal 1 al 15 luglio se ne contano 138 mentre lo scorso anno erano state 184, per un calo del 25%. "Nel solo 2005 hanno pagato: 130 mila euro per l’Ici, la Tarsu, e Siae, 36 mila euro per l’Irap, 400 mila euro per canone di locazione a cittadini sardi, 350 mila euro per la retribuzione del personale (40% del quale sardo)".

Sarà, ma il governatore-imprenditore della Regione Sardegna, proprietario di Tiscali (nonché al 96imo posto degli uomini più ricchi del mondo secondo Forbes, qualche anno fa) i veri billionari li accoglie davvero a braccia aperte e pure in elicottero. E a Tom Barrack, l'Aga Khan della costa smeralda, ha fatto fare un giro in elicottero sopra la zona delle miniere dismesse del Sulcis, oggetto del progetto di riqualificazione dell'attività turistica della regione. Al posto del parco minerario hotel a 5 stelle e golf. Molto meglio, per Soru, dei villaggi turistici sulla costa che inquinano e deturpano l'ambiente!

Forse Briatore se l'é presa perché Soru ha rifiutato un suo invito al billionaire dove per una cena si può arrivare a pagare tanto quanto la "Soru" prevista per una barchetta di 16 metri o un aereo privato con più di 12 passeggeri.

E quando i miliardari piangono il nostro "Silvio" nazionale (37imo nella classifica di Forbes), é sempre pronto a riscoprirsi un pò "Salvatore", anche mentre parla con una Gregoraci versione maddalenina (e un pò la parte della Maddalena quest'anno la show-girl l'ha fatta) "se hai problemi sta' tranquilla, ti prendo a lavorare io". A Mediaset.

Insomma questa sinistra proprio non piace ai nostri miliardari forse hanno paura di passare le prossime vacanze in miniera invece che a Porto Cervo?





di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il


Torna su