Accordo tra Coca-Cola ed Apple per la musica online. Le lattina di Coke regaleranno musica su Itunes

Coca-cola conclude una parteship con Apple grazie al quale gli utenti potranno scaricare gratuitamente le canzoni.

Dopo aver alzato bandiera bianca nel bussiness dei file musicali con l’annuncio, dato qualche giorno fa, della chiusura, a causa dello strapotere nel settore di iTunes della Apple, del music store basato su OD2 (il gruppo fondato da Peter Gabriel) e sul DRM di casa Microsoft, Coca-cola conclude un affare col “nemico” grazie al quale gli utenti potranno scaricare gratuitamente le canzoni.

A una condizione però: questi dovranno acquistare almeno una delle confezioni speciali che verranno messe in commercio incluse di codice (che normalmente costa poco più di un euro) utilizzabile su iTunes Music Store.

L’operazione prenderà il via dalla Gran Bretagna con la messa in commercio di 70 milioni di speciali confezioni. Attraverso il sito www.Coca-Cola.com/music - come si apprende dal ilsole24ore.com - i partecipanti potranno accedere al servizio iTunes, per scegliere (grazie al codice) una canzone dal catalogo online, che ne contiene oltre 3 milioni.

Questa promozione inizierà a metà agosto e continuerà per sei settimane, con un limite di cinque canzoni per singolo utente.
Da settembre, poi, in Germania, attraverso il sito www.coca-cola.de, con la Coca-cola “speciale” si potranno scaricare un iPod e 50 brani musicali ogni ora, per otto settimane. I clienti potranno anche scambiare i propri gettoni fedeltà "Coke fridge" con canzoni omaggio su iTunes. In seguito la promozione si estenderà al resto d’Europa.


Per iTunes, che nei mesi scorsi aveva legato il proprio marchio allo "swoosh" Nike, l'accordo con la Coke costituisce un importante traino che darà la possibilità di consolidare il predominio nel settore. Dal canto suo, Coca-cola, uscita dalla porta principale, rientra nel business da quella di servizio, assestando un bel colpo alla rivale storica Pepsi





di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il


Torna su