Crescono i ricavi di Geox con una marginalità notevole. E la società viene premiata dalla Borsa

Geox corre in borsa. La società trevigiana di calzature ha infatti appena pubblicato dei dati semestrali col botto incassando in borsa un rialzo dell’1,2%.

Geox corre in borsa. La società trevigiana di calzature ha infatti appena pubblicato dei dati semestrali col botto incassando in borsa un rialzo dell’1,2%.

Una bella festa che comincia dai ricavi: 305,5 milioni che sono il 24% in più dell’anno prima. La marginalità è notevole e l’Ebitda è cresciuto del 24%, mentre l’Ebit è cresciuto del 27%. L’utile netto ha raggiunto a fine giugno i 47,4 milioni con un incremento dell’8%.

Generato un free cash flow di 39,7 milioni e anche la posizione finanziaria netta è notevolmente migliorata rispetto allo stesso periodo del 2005 (da 48,4 milioni a 62,2 milioni).

Insomma è abbastanza difficile rimproverare qualcosa alla gestione di questa società.

Forse l’unica è una cosa che la accomuna a una concorrente, la Tod’s di Della Valle. Come il gruppo marchigiano che ha dichiarato venerdì scorso ricavi in crescita del 14,8 % (e oggi incassa un rialzo dell’1% circa), anche la Geox, fondata e ancora guidata da Mario Moretti Polegato, ha una produzione eccessivamente rivolta al mercato italiano. Anche se dei timidi passi in questa direzione sono già stati fatti e se coglie qualche frutto, forse sarebbe il caso di incentivare la presenza su altri mercati.


Possibile che la nostra gloriosa industria calzaturiera non riesca a mettere più saldamente un piedino di là dalle Alpi?








di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il


Torna su