Payperpost: pagati per pubblicare un pubbliredazionale sul proprio blog

L'idea di PayPerPost è piuttosto semplice: avete un blog di successo? Volete guadagnare dai 5 ai 10 dollari a post?

L'idea di PayPerPost è piuttosto semplice: avete un blog di successo? Volete guadagnare dai 5 ai 10 dollari a post? Recensite un prodotto segnalato da noi e incasserete dollaroni sonanti.

 Ora, io non sono certo tra coloro che si battono in difesa di una malintesa purezza di blog, eppure sento lezzo di scandalo. E non sono il solo: secondo Cnet, ci troviamo di fronte ad una "cosa molto, ma molto brutta", mentre per Business Week l'iniziativa rischia di "inquinare la blogosfera".

Il vero problema riguarda la natura dell'accordo e di come questo possa minare la credibilità dei blogger: quando Hugh Macleod ha invitato la blogosfera a recensire del vino, ha chiesto semplicemente di parlarne, bene o male che fosse. Qui si pagano i blogger esclusivamente per parlare bene di un prodotto, con un redattore che poi controlla e decide se pagare o meno il blogger.

Cosa ancora più grave, i blogger non sono tenuti a spiegare che dicono ciò che dicono perchè pagati. La domanda che rivolgo a PayPerPost è: perchè ciò che è semplicemente improponibile per un giornalista, dovrebbe invece andare bene per un blogger?








di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il


Torna su