Decreto Bersani sull'energia: ci sarà realmente più concorrenza

Il nove giugno é stato approvato il Disegno di legge sull'Energia subito ribattezzato 'Pacchetto Bersani' dal nome del Ministro delle attività produttive Pier Luigi Bersani

Il nove giugno é stato approvato il Disegno di legge sull'Energia subito ribattezzato "Pacchetto Bersani" dal nome del Ministro delle attività produttive Pier Luigi Bersani.

"E' un provvedimento che può dare impulso all'economia." ha detto il Ministro che ha poi ribadito "Un provvedimento che mira ad aumentare la concorrenza e in prospettiva che punta a ridurre i prezzi per le famiglie e le imprese. Il disegno di legge, tra l'altro, prevede una norma che "restituirà all'Autorità per l'energia la competenza sull'import elettrico". (leggi l'articolo)

Il nuovo provvedimento, figlio legittimo del Decreto Marzano, propone una serie di misure che dovrebbero portare un pò di aria fresca nei polmoni (o meglio nelle tasche) dei consumatori sia in termini di minori aumenti collegati al caro-petrolio che di immediato beneficio nei casi opposti.

Attenzione sul tema del Gas, in particolare lo sguardo é volto alla realizzazione di un mercato concorrenziale. "Promuovere la realizzazione di un mercato concorrenziale dell'offerta di energia elettrica e di gas naturale" dice il decreto "che tenga conto delle esigenze di diversificazione delle fonti e delle aree di approvvigionamento e della sostenibilità sotto il profilo ambientale".

Obiettivo del Disegno é anche favorire le operazioni di aggregazione territoriale delle attività di distribuzione, a vantaggio della riduzione dei costi di distribuzione, attraverso l'identificazione, in base a criteri di efficienza, di bacini minimi di utenza.


Non mancano gli obiettivi di valenza più sociale attraverso l'offerta di energia elettrica e di gas a condizioni di mercato ai clienti degli ambiti sociali e territoriali che più difficilmente possono trarre utilità dal mercato.

In arrivo poi nuove misure relative alla separazione societaria, organizzativa e decisionale tra le imprese operanti nelle attività del trasporto, distribuzione e stoccaggio e quelle imprese operanti nelle attività di produzione e approvvigionamento.

Sul fronte "Energia pulita" invece, tra gli obiettivi del ddl vi é anche quello di promuovere lo sviluppo del solare termico e dei carburanti di origine vegetale. Più incentivi, quindi, per l'installazione di impianti solari termici e l'utilizzo di autoveicoli efficienti da un punto di vista energetico.

Abbastanza entusiaste le associazioni dei consumatori mentre restano più perplesse alcune parti sociali.





di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il


Torna su