Repubblica lancia iLiad, il primo quotidiano elettronico grande come un quaderno

Trecento lettori italiani potranno sperimentare il primo quotidiano basato sulla tecnologia dell’inchiostro digitale

DOPO l’ iPod, ecco l’ultimo nato tra le innovazioni tecnologiche: iLiad, il primo giornale elettronico.
Le dimensioni sono davvero ridotte: 12 x 16 cm, spesso come una custodia da Dvd e con un peso di soli 300 grammi. Lo schermo è in bianco e nero ma con una gradazione  di  16  tonalità  di grigio e permette una visione perfetta anche alla luce del giorno.

L’elemento principale del sistema è l’inchiostro elettronico realizzato dalla E Ink.
La sua memoria di base è estendibile e consente di conservare circa 30 numeri del quotidiano.
Questo strumento di informazione portatile verrà sperimentato, a partire dal mese di luglio, da un campione di 300 lettori che potranno leggere il quotidiano “La Repubblica” ( primo caso sperimentale nel mostro Paese). Notizie di sempre in una nuova veste grafica.

Irex Technology, società spin-off della Philips, aveva realizzato il primo Ebook reader per la Sony nel 2004 e a partire dal 2006 ha stabilito accordi con il quotidiano economico belga De Tijd, che da aprile invia a  200 propri abbonati il giornale in questo formato; e con il gruppo  Espresso per la sperimentazione del primo quotidiano italiano basato su inchiostro elettronico.

ILiad si può leggere ovunque, grazie alla sua maneggiabilità e al suo formato. Semplice da usare dato che basta collegarsi ad Internet premendo un bottone e scaricare direttamente sullo schermo l’edizione completa del giornale in poco più di un minuto. La connessione avviene senza fili, in wi-fi o via cavo ed è possibile connettersi più di una volta al giorno per scaricare eventuali aggiornamenti. Le pagine possono essere sfogliate alla velocità desiderata ed è possibile cliccare sui link che più interessano per visualizzarne l’articolo desiderato.
Se il prototipo avrà il successo desiderato, si prospettano ulteriori sviluppi: schermo più grande, uso del colore e possibilità di arrotolare l’ i Liad come un giornale cartaceo.








di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il


Torna su