Prototipo di una nuova City Car "impilabile" da MIT e General Motors

Un'interessante proposta di auto cittadina è allo studio presso il Massachusetts Institute of Technology in collaborazione con General Motors, nell'ambito di un progetto più ampio, denominato 'Smart Cities' attivo dal 2003.

Un'interessante proposta di auto cittadina è allo studio presso il Massachusetts Institute of Technology in collaborazione con General Motors, nell'ambito di un progetto più ampio, denominato "Smart Cities" attivo dal 2003.

Queste le caratteristiche previste: a due posti, elettrica, con molte parti condivisibili e soprattutto "impilabile" grazie alle ruote montate su bracci esterni, in grado di sollevare l'auto quasi verticalmente.

A tale scopo, i cerchi conterrebbero, nella loro stessa struttura, i motori e le sospensioni, garantendo la possibilità di "separare" le ruote dal contesto del corpo vettura, mediante bracci più o meno estensibili.

Le potenzialità di un'auto del genere sono facilmente immaginabili (pensiamo, ad esempio, al car sharing, o ad appositi parcheggi urbani); vedremo se il prototipo definitivo GM, previsto proprio per il 2006, avreà realmente tali caratteristiche.








di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il


Torna su