Mutui: diminuire rate. Come fare con regole 2011

Rinegoziare mutuo: ora si può. Le condizioni e chi può farlo

La situazione mutui sembra essere piuttosto altalenante: la BCE ha alzato i tassi, l’Euribor continua a salire e le rate dei mutui a tassi variabili seguono questo andamento. Risultato: molte famiglie italiane sono in allarme, timorose che la rate del loro mutuo possa arrivare a costi davvero alti.

Nonostante questa situazione, molto esperti consigliano, per il momento, di rimanere sui variabili e non affrettarsi a passare al fisso, perché pagherebbe inevitabilmente un arata più alta, perché al momento, nonostante i rialzi dell'ultimo anno, i tassi Euribor sono ancora sensibilmente inferiori agli Irs (3,94% quello a 20 anni), ma chi, invece, volesse cambiare, dalle prossime settimane potrà godere della possibilità di rinegoziare il proprio finanziamento e passare al fisso.

Ciò che cambia è che se fino ad oggi il mutuatario poteva richiedere la rinegoziazione, considerando anche la possibilità di un rifiuto da parte della banca, oggi questa potrà essere accolta, in base a determinate condizioni però.

L’agevolazione sarà garantita solo ai meno abbienti, cioè alle famiglie che hanno un indicatore della situazione economica equivalente (Isee) non superiore a 30mila euro, che non hanno mai registrato ritardi nel pagamento delle rate e che hanno richiesto un mutuo non superiore ai 150 mila euro.

Chi si presenterà allo sportello potrà ottenere il passaggio a un mutuo con tasso fisso calcolato sulla base del tasso Irs di durata pari alla durata residua del mutuo o alla scadenza successiva, cui si aggiungerà uno spread pari a quello del mutuo originale.


Se per esempio mancano ancora 20 anni al termine del rimborso, il mutuatario con un tasso Euribor aumentato dell'1% otterrà un tasso Irs a 20 anni aumentato dell'1%. Per chi volesse invece richiedere l'allungamento, potrà farlo per un periodo massimo di cinque anni e a patto che la durata residua del mutuo al momento della rinegoziazione non sia superire ai 25 anni.





di Marianna Quatraro pubblicato il


Torna su