Centrale nucleare Giappone: fumo nero radioattivo. Acqua contaminata a Tokio. Rischio per bambini

Allarme radioattività acqua per i bambini a Tokyo

Allarme radioattività acqua per i bambini a Tokyo ed è nuova emergenza a Fukushima. Del fumo nero infatti fuoriesce dal reattore n3 della centrale nucleare e i tecnici al lavoro nell'impianto sono stati allontanati dalla zona. La Tepco, accusata più volte negli ultimi giorni di non aver fornito tutta la verità riguardo i problemi di Fukushima, non ha potuto fornire ulteriori dettagli.

Gli operai stavano lavorando per le operazioni di raffreddamento dei reattori e delle vasche di combustibile spento. “Non sappiamo se la fumata proviene dall’edificio che ospita la turbina o dalla struttura di contenimento del reattore”, ha precisato un portavoce.

Cresce, dunque, l'allarme per le contaminazioni radioattive. L'acqua che sgorga dai rubinetti di Tokyo ha un tasso di iodio radioattivo che supera il limite legale ammesso per i bambini e per questo le autorità della capitale giapponese sconsigliano di darla ai bambini o di utilizzarla per preparare loro il latte. Il problema dell'acqua ce sta particolarmente interessando Tokyo si unisce a quello del cibo.

Valori notevolmente alti di radioattività sono stati infatti riscontrati anche in undici varietà di vegetali prodotti nei pressi della centrale di Fukushima. Il premier giapponese Naoto Kan ha invitato la popolazione a non consumare alcuni vegetali provenienti dalla zona dell'impianto danneggiato e ha chiesto anche alla prefettura di Ibaraki, vicina a quella di Fukushima, di sospendere la distribuzione di latte e prezzemolo.

La contaminazione dei cibi preoccupa anche gli Stati Uniti, che hanno deciso di vietare l'importazione di alcuni prodotti alimentari dal Giappone. Gli Stati Uniti hanno, inoltre, bloccato l'import di latte e spinaci prodotti nelle quattro prefetture giapponesi adiacenti la centrale nucleare di Fukushima. Controlli a tappeto anche in Italia, dove però assicurano che le importazioni dal Giappone sono in percentuali molto basse.


Nel frattempo, una scossa di magnitudo 6.0 é stata registrata nel Giappone settentrionale, vicino alla centrale nucleare di Fukushima colpita dal terremoto e numerose scosse di assestamento sono state registrate dopo il terremoto e lo tsunami che hanno devastato il Paese l'11 marzo scorso.





di Marianna Quatraro pubblicato il


Torna su