Ipoteca mutui: cancellazione non è più gratis dal 2 gennaio

Cancellare l'ipoteca iscritta per un mutuo non è più gratuito. La novità

Dallo scorso 2 gennaio 2011 cancellare l’ipoteca iscritta a garanzia di un mutuo non è più gratuito. Con l’introduzione del Decreto Bersani, per la procedura di cancellazione di un’ipoteca, bastava estinguere il debito per vedersi cancellata anche l’ipoteca in modo rapido, semplice e senza spese aggiuntive.

Adesso, per tutte le ipoteche connesse a mutui iscritte dopo il 2 gennaio, bisogna necessariamente recarsi da un notaio per la cancellazione. Si tratta di una novità che allungherà decisamente i tempi e che costerà cara ai consumatori: circa 700-800 euro in più.

Un costo che certo non agevola le famiglie, considerando innanzitutto il periodo di crisi che ancora stiamo attraversando, ma anche la situazione di migliaia di famiglie che, proprio perché in difficoltà, hanno chiesto addirittura la sospensione del pagamento della rata del mutuo.

Se, dunque, prima del 2 gennaio scorso, la banca che erogava il mutuo, verificatasi l’estinzione dell’obbligazione, rilasciava una quietanza liberatoria che veniva poi trasmessa alla conservatoria e/o ufficio tavolare per la trascrizione della cancellazione dell’ipoteca, modo diretto, automatico e gratuito, ora non è più così.
 





di Marcello Tansini pubblicato il


Torna su