Assicurazione mutuo casa è obbligatoria? Conviene? Consigli

Quanto è necessario stipulare un'assicurazione mutuo? Le tipologie

Al momento dell’accensione di un mutuo per la propria casa, molte banche invitano i propri clienti a stipulare un’assicurazione mutuo. Ma conviene effettivamente stipularla, e quali vantaggi può portare? L’assicurazione sul mutuo di casa è, in realtà, una forma di garanzia ulteriore che gli istituti bancari considerano necessarie per la concessione del mutuo stesso.

L’assicurazione sul mutuo è una garanzia importante per la banca, che garantisce come il cliente si impegna a pagare il premio per una polizza assicurativa che, in caso di eventi disastrosi, possa ripagare la banca del valore dell’immobile. Per fare un esempio, un’assicurazione oggi obbligatoria che tutti i clienti devono pagare è quella contro incendio e scoppio.

La sua obbligatorietà è stabilita dal fatto secondo cui, alla perdita dell’immobile per un eventuale incendio o distruzione, il cliente interrompa la restituzione del mutuo che sarà comunque pagato alla banca dall’istituto assicurativo.

Prima della stipula del contratto, sarebbe bene valutare le tipologie di assicurazioni mutuo previste dalla banca e, per sapere quanto questa assicurazione voce incida sui costi, bisogna ben considerare l’Indicatore Sintetico di Costo (ISC), il documento che cioè la banca deve esibire al momento della stipula del contratto e dove devono essere obbligatoriamente elencate tutte le voci di spesa, tra cui anche quella assicurativa.

Chi stipula un’assicurazione mutuo casa dovrà innanzitutto scegliere quella conto incendio e scoppio, obbligatoria per legge; altra polizza assicurativa è quella temporanea caso morte (TCM), che è facoltativa.


La sua copertura va a favore dei familiari in caso di morte dell’unico mutuatario (chi ha richiesto e contratto il mutuo), mentre in caso di mutuo cointestato copre il 50 % del suo valore (la parte che avrebbe dovuto versare il secondo mutuatario deceduto). Altra tipologia, infine, è l’assicurazione che copre il mutuatario da una eventuale perdita del lavoro.





di Marianna Quatraro pubblicato il


Torna su