Mutui con i tassi migliori di sempre adesso a settembre ma le offerte non si adeguano

Condizioni e situazioni per accendere un mutuo

Tempi buoni per chi decide di accendere un mutuo, soprattutto per chi opta per il tasso fisso, sotto il 5%. Per quanto riguarda i variabili, invece, questi sono sempre più rischiosi dei fissi perché cariano al variare dell’indice di riferimento e che sono destinati ad impennarsi nei prossimi mesi.

Sono diverse le soluzioni oggi possibili da scegliere per chi decide di accendere un mutuo. I prezzi non scendono, anzi, aumentano segno dell’insicurezza che colpisce sia le banche, restie a concedere prestiti, che i loro clienti. Per chiarire l’andamento del settore, i ricercatori di Of-Osservatorio finanziario hanno sottoposto il sistema al cosiddetto esame filiale.

Fingendosi interessati a un nuovo mutuo o a una surroga sono entrati in filiali al Nord, al Centro e al Sud, e hanno discusso con direttori e funzionari di condizioni, costi, commissioni e tutto quanto e hanno scoperto che dal fronte mutui ci sono cattive notizie.

Quella che colpisce di più è la quasi completa sparizione dei mutui con High Loan to Value, cioè con la possibilità di finanziare interamente o quasi l'acquisto di un immobile. Se prima della crisi l’LTV era al 90, 95 o 100%, oggi è difficile anche ottenere l'80%. Tradotto significa che se si vuole acquistare un appartamento da 100 mila euro, occorre metterne 40/50 mila di tasca propria.

La seconda cattiva notizia riguarda il valore dell’ipoteca, che può arrivare addirittura al 200% o addirittura del 250% sull'immobile dato a garanzia. L’ultima novità è che vengono d’ora in poi i classificati come cattivi clienti anche i lavoratori dipendenti, perfino di aziende pubbliche, ma con meno di 5 anni di anzianità.


Lo stesso accade, ad esempio, se a richiedere il mutuo è un separato o divorziato. Considerati a rischio anche alcune categorie, classificate fino a qualche tempo fa come socialmente ed economicamente privilegiate, come i giornalisti, i professionisti e ancora gli imprenditori di piccole aziende o artigiani. Altra novità per la surroga o la rinegoziazione del mutuo.





di Marianna Quatraro pubblicato il


Torna su