Nuove Auto Fiat: Uno, Giulia, Lancia Ypsilon. E nuovo piano industriale con assunzioni

Il nuovo piano strategico Fiat. Cosa prevede

Cambio al vertice del Lingotto: Luca Corsero di Montezemolo passa il testimone della presidenza Fiat a John Elkann, nipote dell’Avvocato Gianni Agnelli e da lui stesso designato suo successore, e qualche ore dopo Sergio Marchionne, ad del gruppo automobilistico, presenta il nuovo piano strategico.

Si tratta di una strategia di rilancio della presenza Fiat in Italia, un piano che prevede 30 miliardi di investimenti in quattro anni, il raddoppio della produzione negli stabilimenti italiani, destinata salire dalle 660mila auto del 2009 a quasi un milione e mezzo nel 2014 e, cosa importante, nuove assunzioni.

Dopo la chiusura, dunque, dello stabilimento siciliano di Termini Imerese, si tornerà ad assumere in casa Fiat. L’obiettivo annunciato da Marchionne è “fare dell’Italia una base strategica per la produzione, l'innovazione e l'esportazione di auto”.

Dovranno essere sei i milioni di vetture prodotte entro il 2014 e che conteranno 34 nuovi modelli e il restyling di altri 17, tra cui la nuova Lancia Ypsilon, l’Alfa Romeo Giulia berlina e station wagon erede della 159 in vendita dal 2012, e il ritorno della mitica Uno, ovvimanete rinnovata nell’estetica e nella meccanica. Sarà difficile, nell’ambito di questo progetto, capire che cosa c'è di Fiat e cosa di Chrysler, tanto che lo stesso Marchionne ha sottolineato: “Tenere tutto insieme ci ha aiutati nella fase di uscita dalla crisi ma adesso non ha più senso” e si pensa ad uno ‘sdoppiamento’.

Marchionne ha, infatti, annunciato la separazione dell'auto da camion e macchine agricole. Ciò significa che, in futuro, ci sarà una Spa, che sarà sempre Fiat e vedrà la partecipazione Chrysler insieme con Fiat, Alfa Romeo e Lancia, Ferrari, Maserati, Magneti Marelli, Teksid, Comau e le attività di Fpt che fanno capo all'auto; e Fiat Industrial con Iveco, Cnh e la parte industrial &marine di Fiat Powertrain.





di Marianna Quatraro pubblicato il


Torna su