Ictus: potenziali cause tra sale e dieta mediterranea. Tra i più colpiti italiani

Dito puntato contro la dieta mediterranea che potrebbe rappresentare la causa di aumento del rischio ictus tra gli italiani: gli studi

Gli esperti sono divisi per comprendere le cause che possono gerare alcui tipi di ictsu anche eprchè noi italiani siamo tra i colpiti.

Gli italiani tra i più colpiti dall'ictus e c'è chi punta il dito contro uso (abuso) di sale e regime alimentare previsto dalla dieta mediterranea. Eppure proprio quest'ultima, eletta patrimonio immateriale dell'Unesco, è considerata il miglior regime alimentare da seguire proprio perchè prevede un'alimentazione corretta, sana ed equilibrata data dalla giusta combinazione di vitamine, proteine, carboidrati, zuccheri, sali minerali. Eppure, secondo alcuni esperti, proprio la dieta mediterranea sarebbe causa di ictus per gli italiani.

Dieta mediterranea e rischio ictus: quale correlazione

La correlazione tra aumento del rischio di ictus tra gli italiani e dieta mediterranea sarebbe da ritrovare nel comune denominatore dell’uso di sale. Stando, infatti, a quanto spiegato da alcuni esperti di malattie cardiovascolari, dismetaboliche e dell'invecchiamento, l'aumento del rischio di ictus tra gli italiani deriverebbe dalla dieta mediterranea perchè si tratta di un regime alimentare che prevede un abbondante consumo di sale e ben sappiamo quanto questo alimento non giovi a salute e pressione perché:

  1. sostiene l’ipertensione arteriosa;
  2. aumenta l'incidenza delle patologie cardio-cerebrovascolari e di quelle renali;
  3. aumenta il rischio di tumori a carico del tubo digerente;
  4. favorisce l'osteoporosi.

Aumento rischio ictus tra gli italiani e come prevenirlo

Secondo le ultime notizie, l’Italia presenterebbe numeri sopra la media per quanto riguarda l’insorgere di ictus, con quasi 200mila casi l’anno, di cui 50mila persone si trovano a convivere con gravi disabilità, mentre il 20% non sopravvive. Questa patologia neurodegenerativa risulta la terza causa di morte nel nostro paese e, a seguito di analisi e studi dettagliati, la dottoressa Simona Giampaoli, tra gli esperti del dipartimento malattie cardio vascolari, dismetaboliche e di invecchiamento dell’Istituto superiore di sanità, ha spiegato che nel nostro paese si assiste ad aumento del rischio di ictus tra la popolazione a causa di alcune abitudini di vita poco salutari e in tal senso proprio la dieta mediterranea, nonostante i benefici che assicura, risulterebbe tra queste malsane abitudini, a causa del consumo di sale c he prevede.

Per prevenire l’ictus, dunque, insieme a sane abitudini come evitare il fumo e gli eccessi di bevande alcoliche nonché di cibi ricchi di grassi, bisognerebbe anche ridurre drasticamente il consumo di sale, così come quello di uova, burro, carni rosse, e praticare costante attività fisica, anche in maniera moderata, semplicemente camminando anche solo per 20 minuti al giorno, senza esagerare.





di Chiara Compagnucci pubblicato il


Torna su