Rilevare inquinamento ed eliminare da casa con innovazione da startup torinese

La nuova invenzione per rilevare l’inquinamento in casa e che offre consigli su come ridurlo: come si chiama e come funziona

Una interessante innovazione e invenzione per eliminare l'inquinamento in caso, ma ancora prima di rilevarlo da una startup tutta italiana di Torino.

Solo qualche settimana fa gli altissimi livelli di inquinamento registrati nelle principali città del Nord Italia avevano portato, oltre al blocco totale del traffico nelle stesse, il sindaco di Torino, Chiara Appendino, ad invitare la cittadinanza a non aprire le finestre in casa in modo da non permettere che l'inquinamento entrasse anche nelle abitazioni. Si tratta di una situazione decisamente paradossale che proprio una start up torinese si propone di risolvere con una nuova invenzione che permetterebbe di rilevare e allo stesso tempo eliminare l'inquinamento in casa.

Inquinamento in casa: l’invenzione di una startup torinese

Stando a quanto riportano le ultime notizie, una start up torinese, Nova Smart Home, azienda innovativa nata all’incubatore I3P del Politecnico di Torino, avrebbe progettato e realizzato, in via sperimentale, Arya, un sistema innovativo di rilevamento dell'inquinamento in casa, capace di monitorare la concentrazione di CO2 in casa insieme a polveri sottili, temperatura, umidità, luminosità e rumore negli ambienti domestici. Ma non solo: le belle novità non finiscono qui. Sempre secondo le ultime notizie, infatti, la stessa invenzione permetterebbe anche di contribuire all'eliminazione dell'inquinamento dalla propria casa. Ma come funziona Arya?

Se è vero, come spiegato da alcuni esperti, che elevate concentrazioni di CO2 in una abitazione possono avere forti effetti sulla concentrazione e sono state strettamente collegate allo sviluppo di insufficienze respiratorie durante l’infanzia, allergie e asma, Arya permette di evitare il problema, visualizzando sul display e sull’applicazione per smartphone i livelli interni, in modo da non raggiungere mai esagerazioni. Ma non solo: il sistema, infatti, si occupa di eliminare dall’ambiente domestico il problema inquinamento suggerendo semplici azioni consigliate per ‘rinnovare’ l’aria interna, attraverso un microfono integrato.

Inquinamento: anche il riscaldamento domestico tra le cause

Tra le cause del forte inquinamento che nelle ultime settimane si sta registrando al Nord, con un temporaneo abbassamento dei livelli, vi è anche il riscaldamento domestico, tanto che qualche settimana fa il sindaco di Milano Sala ha invitato i suoi concittadini a non accenderlo se non strettamente necessario o comunque a mantenere temperature relativamente basse. Tuttavia, seguendo una serie di accorgimenti, è possibile riscaldare la propria casa risparmiando sui costi e riducendo le emissioni inquinanti. Bastano pochi consigli da seguire per ottenere un ottimo risultato, sia per le proprie tasche, sia per la gestione dell’inquinamento cittadini. Per raggiungere questi obiettivi di risparmio basterebbe infatti:

  1. effettuare la corretta manutenzione degli impianti, sia per motivi di sicurezza sia per evitare sanzioni;
  2. programmare il riscaldamento autonomo o semiautonomo per accenderlo al mattino prima del risveglio per riscaldare la casa e mantenerne il tepore per il resto della mattinata;
  3. valutare eventuali interventi, nel caso di case vecchie, per isolare le pareti e sostituire le finestre, evitando la dispersione del calore;
  4. schermare le finestre durante la notte, perché chiudendo persiane e tapparelle o mettendo tende pesanti si riducono le dispersioni di calore verso l’esterno;
  5. controllare la temperatura degli ambienti, mantenendo una temperatura consigliata tra i 19 e i 22 gradi;
  6. regolare temperatura e tempo di accensione del termosifone per accenderlo solo quando si è in casa tramite relativo sistema di programmazione;
  7. non mettere nulla che possa coprire i termosifoni in modo da non impedire al calore di disperdersi nell’ambiente.





di Marianna Quatraro pubblicato il


Torna su