Sfratti, affitti costano di più. Emergenza Toscana e Trentino Alto Adige

Affitti sempre più alti così come le tasse per le casa. E' emergenza affitti e sfratti e morosi in tutta Italia anche nelle regioni più ricche.

Una situazione davvero preoccupante che non riguarda solo queste due ragioni come spiegano Usb-Asia e altre associazioni.Non ci sono solo tate imposte sugli immobili, che certamente incidono anche quelle, ma anche sempre più sfratti di inquilini morosi che non riescono a pagare gli affitti anche inr egioni come il Trentino Alto Adige o la Toscana, tanto che la Usb-Asia e altre associazioni chiedono interventi decisi. Anche eprchè il costo medio di un affitto è aumentato a circa 600 euro e pesa per un dipendente sul 35% del bilancio mensile, mentre per il 43% circa i pensionati

Imposte sugli immobili per un valore di 40 miliardi di euro: stando a quanto riportano le ultime notizie, le tasse sugli immobili sono sempre più alte e ad essere colpiti sono soprattutto coloro che hanno seconde case e immobili strumentali.

Tasse sugli immobili: 40 miliardi di euro come una patrimoniale

Un peso fiscale altissimo del valore di 40 miliardi di euro pesa sui proprietari di immobili in Italia come se si trattasse di una patrimoniale. Secondo le ultime notizie rese note dall’Ufficio studi della Cgia di Mestre, i 40 miliardi di euro rappresenterebbero il valore totale di Irpef, Ires, imposta di registro e di bollo e cedolare secca, che, stando alle ultime notizie, pesano per 9,1 miliardi e alle quali si sommano ulteriori 9,9 miliardi di tasse legate al trasferimento (dall'iva alle imposte su successioni e donazioni, dagli oneri catastali alle imposte di registro) e 21,2 miliardi di euro di imposte a carico dei proprietari degli immobili, da Imu, a Tasi, Tari e ulteriori eventuali.

Sempre secondo la Cgia, i maggior colpiti dal peso delle imposte sugli immobili sono soprattutto i proprietari di seconde case, per cui chi oggi, oltre all’abitazione principale, possiede una casa ‘in più’ al mare o in montagna, è decisamente penalizzato per quanto riguarda il carico fiscale sugli immobili. Secondo la stessa Cgia, infatti l'aumento del gettito prodotto da Ici, Imu e Tasi tra 2011 e 2016 è passato da poco più di un miliardo di euro a ben 11 miliardi e mezzo di euro. Elevato è stato anche l’aumento delle imposte registrato per immobili strumentali. Nello stesso periodo appena riportato, infatti, i proprietari di questa tipologia di immobili si sono visti più che raddoppiare il prelievo fiscale, salito da meno di 5 miliardi del 2011 (4,88 miliardi di euro) a quasi 10 oggi (9,72 miliardi).

Scadenza pagamento acconti 16 dicembre

Se le ultime notizie relative al valore delle imposte sugli immobili sono decisamente sconfortanti per chi ha tanto faticato per arrivare a possederne anche più di uno, i prossimi appuntamenti non faranno certo tirare un sospiro di sollievo, considerando che il prossimo 16 dicembre, ormai alle porte, sono in scadenza i termini di versamento dei saldi di Imu e Tasi 2017 che certamente non saranno per molti una passeggiata.





di Marianna Quatraro pubblicato il


Torna su