World Business Forum a Milano: il tema è Humanification

La tecnologia può essere umanizzata e al World Business Forum 2017 questo tema sarà affrontato in maniera approfondita. Senza innovazione e strategie efficaci il suo sviluppo diventa impossibile

Il World Business Forum 2017 che anche quest’anno permetterà a Milano di guadagnarsi, con pieno merito, la ribalta della scena mondiale, affronterà tra i tanti temi anche quello dell’Humanification. Una parola che nell’economia globalizzata e ormai sempre più spersonalizzata in cui ci troviamo a vivere sembra quasi stridere con quella che è la realtà. Ed in parte è anche vero. Ma non c’è dubbio che alla base di ogni business, di qualsiasi esso si tratti il rapporto con le persone non può mai mancare. Non solo clienti, dipendenti, collaboratori a vario titolo, clienti, azionisti.

Anche la tecnologia può essere umanizzata e al World Business Forum 2017 questo tema sarà affrontato in maniera approfondita. Senza innovazione e strategie efficaci, infatti, lo sviluppo del business diventa impossibile. Troppo spesso, però, l’attenzione di chi guida le aziende è rivolta esclusivamente al prodotto, alla struttura organizzativa, a come renderla più efficiente e ordinata. Non alle persone che ne fanno parte: impiegati, collaboratori, azionisti. E nemmeno ai clienti per i quali un dato bene o servizio è progettato.

A Milano il tema è Humanification

Proprio per questo motivo a Milano i più grandi operatori economici e finanziari della Terra proveranno a tracciare una strada in grado di rendere creative e audaci le organizzazioni che sono alla base del business. E quale miglior luogo del World Business Forum 2017 che da tradizione verrà celebrato a Milano nei giorni 7 e 8 novembre al Mico Milano Congressi, il più importante evento itinerante di “formazione e ispirazione” per manager e imprenditori a livello globale poteva essere la cornice dentro la quale avviare questo dibattito. Humanification, rimettere le persone al centro. Questo sarà l’argomento principale e molto interessante visto che rappresenta davvero uno spartiacque tra un prima dove l’essere umano ha rischiato di essere messo sempre più ai margini e un dopo dove, si spera, sia in grado di recuperare la funzione centrale che grazie all’Illuminismo l’uomo ha sempre avuto.

Tante le personalità di spicco che si confronteranno su questo tema durante la due giorni meneghina come per esempio Nicholas Negroponte, cofondatore del MIT Media Lab, Chris Anderson, imprenditore tecnologico ed ex direttore di Wired Usa, Jonah Berger, docente di marketing alla Wharton School, Randi Zuckerberg, ex direttore marketing di Facebook e sorella del più celebre Mark. Il World Business Forum è certamente un appuntamento da non perdere anche valutando il profilo dei partecipanti, circa duemila e cinquecento, che per metà è rappresentata da ceo, direttori generali e imprenditori e per l’altra metà vede protagonisti i responsabili delle divisioni finanza, marketing, vendita e risorse umane.

Trattandosi di un evento in grado di richiamare un pubblico così eterogeneo, sono presenti aziende attive nel ramo tecnologia e innovazione, ma anche settori tradizionali, come banche e servizi di vario genere. Tra le novità di quest’anno, il dibattito sulla humanification tra i ceo di tre aziende leader, organizzato in collaborazione con il Mip del Politecnico di Milano.





di Luigi Mannini pubblicato il


Torna su