Inquinamento atmosferico: le cause principali oggi

Nessuno aveva fatto i conti con l’inquinamento atmosferico diventato, piano piano, l’emergenza principale del pianeta. Talmente grande da metterne a rischio lo stesso futuro anche del genere umano

Cos’è l’inquinamento atmosferico?

L'inquinamento atmosferico è l’accumulo di una o più sostanze solide o liquide, in concentrazioni tali da modificare le normali condizioni ambientali e di salubrità dell'aria. Modifiche che costituiscono un possibile pericolo per l'uomo e per l'ambiente.

Dalle prime due rivoluzioni industriali al giorno d’oggi la vita dell’uomo è cambiata radicalmente. Nuove scoperte, nuove possibilità, la conquista del cielo e del mare, oltre che della terra con l’invenzione dell’automobile. Il mito di progresso continuo che fa breccia nelle menti e nei cuori degli occidentali convinti che ormai le condizioni di vita sarebbero migliorate in maniera automatica consentendo all’uomo di stare sempre meglio.

Un mito che si è parzialmente incrinato nonostante ci troviamo nel bel mezzo di un’altra rivoluzione: quella tecnologica e della realtà virtuale, attesa come la panacea di tutti i mali ma che stenta a dipanare i suoi effetti benefici sulle popolazioni dell’intero globo. Nessuno, infatti, aveva fatto i conti con l’inquinamento atmosferico che, anno dopo anno, secolo dopo secolo, è diventata l’emergenza principale del pianeta. Talmente grande da mettere a rischio il futuro dell’intero pianeta. Il problema dell’inquinamento atmosferico è nato quando l’uomo ha deciso di sfruttare le risorse non rinnovabili che il nostro pianeta ci ha offerto. Quali sono le cause principali? Quali i rimedi che si possono attuare?

Inquinamento atmosferico cause principali

Per inquinamento atmosferico si intende per l’appunto della presenza di sostanze chimiche e gassose che modificano e alterno la struttura naturale dell’atmosfera terrestre. Qualunque sostanza che modifica la composizione dell’aria può essere considerata sostanza inquinante. Gli agenti inquinanti sono generalmente classificati in base alla loro origine:

  1. fonti naturali, ovvero quelle fonti previste dalla natura;
  2. fonti antropiche, cioè cause direttamente imputabili alle attività dell’uomo.

Le sostanze che derivano da fonti naturali sono le eruzioni vulcaniche, fonti incendiarie oppure dalla decomposizione di composti organici. Per quanto riguarda quelle antropiche consistono in tutte quelle attività dell’uomo che producono l’inquinamento dell’aria come ad esempio il traffico delle automobili, il riscaldamento domestico, gas provenienti dalle industrie e ancora dalle attività artigianali.

Cause inquinamento atmosferico

Le principali cause dell’inquinamento dell’aria sono dovute alle attività umane. I trasporti è una delle maggiori attività dell’uomo con la quale produce alti livelli di smog nell’aria. L’inquinamento proveniente dalle auto dipende molto dal tipo di combustibile utilizzato:

Bisogna considerare il dato che ogni anno il numero di immatricolazioni di nuove auto aumenta in maniera costante. Basta solo questo per capire come la soluzione per questo pericolosissimo problema sia ancora di la da venire nonostante i ripetuti tentativi delle potenze economiche più avanzate di porre un argine agli sconvolgimenti climatici legati all’inquinamento atmosferico.

Le cause dell’inquinamento dell’aria non finiscono qui oltre al settore dei veicoli ci sono diverse fonti antropiche derivante appunto dall’attività umana come il riscaldamento domestico anche qui gli agenti emessi dipendono dal combustibile utilizzato e dalla tipologia del riscaldamento. L’utilizzo di combustibili fossili della produzione di elettricità sempre per le nostre abitazioni. Per non parlare del settore dell’industria dal quale provengono ingenti quantità di solventi, nebbie acide, metalli pesanti e polveri rilasciate dalla lavorazione delle macchine.



Autore: Luigi Mannini
pubblicato il