Guida al recupero dati da hard disk rotto o danneggiato

Per quelli che lavorano col il computer perdere tutti i dati della memoria a causa della rottura dell'hard disk rappresenta l'incubo peggiore che possa capitare. Esiste la possibilità di recuperarli

Che cos’è un hard disk?

È un dispositivo di memoria che utilizza uno o più dischi magnetizzati per l'archiviazione dei dati. In pratica è un dispositivo di archiviazione del computer ed è uno dei tipi di dispositivi di memoria più utilizzati essendo presente nella maggior parte dei computer ed anche in altri dispositivi elettronici

Solo chi, per lavoro o per svago trascorre tanto tempo davanti a un Pc, o Mac che dir si voglia, può comprendere l’entità del dramma che si manifesta nel momento in cui l’hard disk della propria macchina si rompe o si danneggia. La prima reazione, di solito, non è riportabile in un articolo pubblico. Poi, a mano a mano che i ricordi di tutti i file, i documenti, i progetti di lavoro che sono conservati in quest’archivio grandissimo anche se non visibile tornano alla mente, sono gli incubi i principali protagonisti delle nottate.

E le goccioline di sudore iniziano a solcare copiosamente il viso. Una ventola che funziona, un banco di Ram installato male, un’interruzione di corrente. Tutti ingredienti di un cocktail davvero micidiale che può avere anche conseguenze irreparabili. A meno di non conoscere le contromisure giuste, gli eventuali trucchi o le informazioni necessarie a provare a reagire. Ecco alcune delle motivazioni che ci hanno spinto ad allestire questa breve e speriamo utile guida al recupero dati da hard disk rotto o danneggiato.

Come recuperare dati da un hard disk rotto

Partiamo da DataRescue DD che in pratica è un programma con interfaccia grafica che potrebbe risolvere problema di come recuperare i dati da un hard disk rotto. DrDD crea immagini complete o parziali di dischi o schede di memoria danneggiate e le salva su un altro dispositivo disco o un’altra periferica di memoria, consentendo il recupero dei dati minimizzando il rischio di danneggiare ulteriormente i supporti danneggiati. Si può provare anche con Linux ma in questo caso è necessario disporre di un secondo computer per creare il dispositivo avviabile.

Per prima cosa si deve creare un dispositivo che contiene una distribuzione live di Linux. Poi sarà necessario solamente masterizzare l’immagine scaricata su un DVD oppure creare una chiavetta USB avviabile tramite tool. A questo punto saranno necessari alcuni DVD vuoto, un disco rigido esterno da usare come supporto per il salvataggio dei dati. Basterà infine inserire il DVD avviabile o la chiavetta, riavviare il computer e attendere il caricamento. Una volta avviato il sistema, cliccare sull’icona “File” del pannello laterale e si potranno visualizzare la lista di tutti i dischi presenti nel sistema. Questo consentirà di prelevare i dati necessari e copiandoli sul supporto.

Smontare il disco rigido ed installarlo su un secondo PC

Smontare il disco rigido ed installarlo su un secondo PC potrebbe essere invece quello che fa al caso vostro. Se non vi siete mai trovati in questa situazione ed è la prima volta che vi accingete ad un’operazione del genere, fatevi aiutare da qualcuno più esperto. I danni al computer o ai dati, in caso di errori, potrebbero essere fatali. Anche questa, comunque, rappresenta una buona soluzione per recuperare i propri dati.

Una soluzione a cui dovrete ricorrere solo se il computer in questione si rifiuta di accendersi, potete disporre di un secondo computer nel quale installare il disco smontato. A questo punto non c’è altro da fare: bisogna smontate il disco dal computer non funzionante, installarlo nel secondo dispositivo, accenderlo e... copiare i dati.



Autore: Luigi Mannini
pubblicato il